- Pubblicità -

Viste da questa prospettiva, le azioni statunitensi non sono poi così costose

- Pubblicità -

Le azioni statunitensi potrebbero sembrare estremamente costose rispetto al resto del mondo se si considera un parametro di valutazione come il loro rapporto prezzo/valore contabile, ma, come sottolinea Goldman Sachs, non sono poi così esorbitanti se si considera la loro redditività.

E se dai un’occhiata agli indici S&P 500 e MSCI Europe, puoi farti un’idea di cosa significa Goldman.

Vedere le azioni statunitensi da un’altra prospettiva

Il grafico seguente utilizza diamanti di colore diverso per tracciare le valutazioni del settore azionario, misurate dai rapporti prezzo/valore contabile (P/B) e dalla redditività, misurata dal rendimento del capitale proprio (ROE).

Il rapporto P/B è una misura del valore di mercato corrente di un’azienda, rispetto al valore contabile delle sue attività.

Il ROE si calcola dividendo l’utile netto per il patrimonio netto. I diamanti blu scuro sono per i settori europei e quelli azzurri sono per i settori statunitensi.

I valori price-to-book a 12 mesi e il rendimento del capitale proprio (ROE) per l'S&P 500 e l'MSCI Europe. Fonti: Datastream, FactSet, Goldman Sachs.

Potete vedere che la maggior parte dei settori con un ROE basso hanno un P/B basso e i settori con un ROE elevato hanno un P/B elevato.

E questo ha senso: la linea tratteggiata dal basso a sinistra verso l’alto a destra mostra la tipica relazione positiva tra price-to-book e ROE.

Quando un diamante scende al di sopra della linea tratteggiata, il gruppo viene scambiato al di sopra della valutazione determinata dal rapporto prezzo-valore contabile e ROE. Quando scende al di sotto della linea tratteggiata, il gruppo viene scambiato a sconto.

E se la pensiamo in questo modo, ha senso considerare le azioni da questo punto di vista.

Un ROE più elevato indica che il settore è più efficiente nel generare profitti dai finanziamenti che ottiene dagli azionisti.

Pertanto, un settore con un elevato rendimento del capitale proprio può, in effetti, giustificare una valutazione P/B più elevata poiché crea maggiori profitti.

Un’occhiata più approfondita

Date un’occhiata in alto a destra del grafico.

I Magnifici Sette e il settore informatico statunitense hanno il ROE più alto e il P/B più alto nel grafico.

Tuttavia, entrambi i gruppi di azioni vengono scambiati solo leggermente al di sopra della “linea tratteggiata”.

Ed è per questo che Goldman afferma che le valutazioni statunitensi non sembrano così elevate.

Ora, il ROE non è un parametro di valutazione completo e infallibile: si basa su guadagni contabili che possono essere manipolati per contribuire ad aumentare i profitti e i pacchetti retributivi dei dirigenti.

Inoltre, viene calcolato utilizzando il patrimonio netto (o le azioni) degli azionisti e quindi esclude il debito della società (prestiti). E dovete sempre tenerlo a mente quando guardate le azioni attraverso questo obiettivo.

Ma se state guardando i Magnifici Sette e vi chiedete se sono troppo cari, come dicono in molti, ricordate che questo gruppo ha alcuni dei ROE più alti ovunque e bilanci solidi come la roccia, per giunta.

E da questo punto di vista, quelle valutazioni non sembrano così alte.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Bitcoin – nuovi massimi, ma attenzione alla correlazione storica col Nasdaq 100

- Pubblicità -

Soddisfa le tue aspirazioni finanziarie

Il Consulente Finanziario Indipendente che ti aiuta ad ottimizzare la tua vita finanziaria

Flavio Ferrara - Consulente Finanziario Indipendente
Flavio Ferrara
Flavio Ferrara
Consulente Finanziario Indipendente (delibera numero 2046 del 25/10/2022 con matricola n. 631131). Da sempre interessato alla finanza, ha dedicato gli studi nell'analisi tecno-grafica e nell'analisi fondamentale dei Mercati Finanziari. Laureato in Scienze Economiche, ha frequentato diversi corsi di specializzazione tra i quali un Master in Corporate Finance e un corso in Value Investing. Spinto dagli studi e dalla specializzazione in Finanza, ha deciso di iscriversi all’esame OCF, superato con successo, e diventare un Consulente Finanziario Indipendente. La sua esperienza non solo teorica è a disposizione per assistere le persone nel raggiungimento dei loro obiettivi finanziari. Sostiene il concetto di una sana pianificazione finanziaria, in cui gli investitori ottengono rendimenti attraverso il valore creato nell’economia reale.

Seguici su

- Pubblicità -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -