- Pubblicità -

Anteprima Trimestrali 2024: ecco cosa conta per i Magnifici Sette

- Pubblicità -

La trimestrale del primo dei magnifici sette, Tesla, è stata tutt’altro che magnifica. Il quadro generale negativo ha visto il produttore di veicoli elettrici non soddisfare le aspettative degli analisti e avvertire di una crescita “notevolmente inferiore” per quest’anno.

Ma coraggio: ci sono altre sei società a mega capitalizzazione, i cosiddetti Magnifici Sette, pronti a pubblicare i loro rapporti trimestrali nelle prossime due settimane; e c’è da scommettere che non saranno così negativi.

Microsoft: 30 gennaio

È forte la tentazione di pensare a Microsoft (Nasdaq:MSFT) e al suo grande gioco sull’intelligenza artificiale in termini quasi biblici, con BC che sta per “Before ChatGPT”(prima di ChatGPT).

La partecipazione di 10 miliardi di dollari del colosso del software nel creatore del chatbot, OpenAI, sembra essere proprio rivelatrice.

Ed è per questo che ultimamente l’attenzione si è concentrata su Azure, il business cloud dell’azienda di Microsoft, che ospita tutta la tecnologia più sofisticata.

Infatti, l’opinione prevalente è che l’intelligenza artificiale rafforzerà i tassi di crescita di Azure di circa 3 punti percentuali nel 2024, riportando il segmento al di sopra della crescita dei ricavi del 30%.

Comunque, qualsiasi mancanza di accelerazione sarà probabilmente presa molto male, suggerendo che l’intelligenza artificiale non sta avendo l’impatto che la maggior parte delle persone immagina.

La crescita dei ricavi anno su anno per Azure, il business dei servizi cloud di Microsoft, risalente a tre anni fa. Fonte: Statista.

Inoltre, il vero core business di Microsoft sarà la monetizzazione dell’intelligenza artificiale.

Secondo alcuni, Copilot, il software principale di Microsoft, integrato con un assistente AI, potrebbe generare entrate aggiuntive per centinaia di milioni di dollari. Copilot è in vendita ormai da alcuni mesi e gli investitori muoiono dalla voglia di sapere come sta andando.

È interessante notare che finora i feedback sono stati contrastanti e c’è la sensazione generale che Copilot abbia bisogno di migliorare.

Alphabet: 30 gennaio

Inizialmente, gli investitori non erano sicuri di dove posizionare Alphabet (Nasdaq:GOOGL) nel nuovo mondo dell’intelligenza artificiale.

Per anni, l’azienda è stata considerata un leader nel settore, sfoggiando chatbot avanzati in tutti i suoi eventi tecnologici annuali.

Ma quando l’intelligenza artificiale è diventata una realtà l’anno scorso, gli investitori si sono innervositi, temendo che la società madre di Google fosse improvvisamente indietro.

In realtà, si sono spinti oltre, temendo che il pane quotidiano dell’azienda, la ricerca, potesse essere interrotto dalla tecnologia e che Alphabet potesse perdere tutto ciò che l’ha resa quello che è oggi.

Andiamo avanti di un anno e la maggior parte di quel nervosismo è svanito, se non addirittura scomparso.

Le entrate derivanti dalla ricerca hanno registrato una notevole accelerazione, registrando una crescita superiore al 10% nel terzo trimestre.

Non si tratta esattamente della crescita del 20% a cui l’azienda, e i suoi investitori, si erano abituati, ma è molto migliore di quanto si temesse solo un anno fa.

Comunque, anche se è bello che l’intelligenza artificiale non abbia ucciso la gallina dalle uova d’oro di Alphabet, gli investitori non sono convinti che l’intelligenza artificiale stia effettivamente aiutando l’azienda.

Il business cloud di Google, al terzo posto per dimensioni dietro AWS di Amazon e Azure di Microsoft, ha rivelato un inaspettato rallentamento della crescita durante l’ultimo aggiornamento trimestrale.

E quello fu un duro colpo, poiché aveva superato i suoi rivali e conquistato quote di mercato.

Ciò ha fatto scendere le azioni di Alphabet ed è in parte il motivo per cui le azioni di Alphabet vengono scambiate a una valutazione più economica rispetto alle altre.

Ma questa volta, se la ricerca mantiene un ritmo di crescita sano e il business del cloud di Google può riprendere, diciamo, con una crescita del 25% o superiore, allora Alphabet potrebbe rientrare nel club dell’intelligenza artificiale.

E questo probabilmente farebbe salire le sue azioni.

Apple: 1°febbraio

La valutazione del prezzo delle azioni Apple (Nasdaq:AAPL) è più alta che mai; quindi, la posta in gioco per gli investitori è piuttosto alta in questo momento.

Il grande dibattito per le azioni si concentra su quali sono le prospettive di crescita di Apple a medio termine.

Se ci si pensa, le azioni ottengono una valutazione elevata solo per due ragioni: rapida crescita dei profitti o certezza di tale crescita.

Apple ha avuto molto di entrambi negli ultimi 20 anni e ci vorrebbe molto per far cadere l’azienda dal suo trespolo.

Ma non pochi investitori si chiedono se il futuro di Apple sarà buono come il suo passato.

Questo grafico mostra il tasso di crescita delle vendite di Apple negli ultimi dieci anni e il tasso previsto per i prossimi tre.

Crescita dei ricavi di Apple dal 2014 e previsioni degli analisti per i prossimi tre anni. Fonte: Koyfin.

La prima cosa da notare è che, nonostante la reputazione di Apple per una crescita affidabile e prevedibile, la crescita effettiva delle vendite è stata ovunque negli ultimi dieci anni.

La seconda è che i prossimi tre anni non dovrebbero assomigliare in media agli ultimi dieci (circa il 9%).

Ciò significa, per lo meno, che Apple, con la sua valutazione quasi da record, non può permettersi di deludere nessuno quando si tratta dei suoi risultati finanziari.

Quindi ci sono due cose da tenere molto d’occhio: iPhone e la crescita dei servizi.

Meta: 1°febbraio

La metamorfosi del genitore di Facebook (Nasdaq:META) da piattaforma di social media per anziani, che spreca miliardi inseguendo un sogno metaverso, a una macchina snella e meschina, basata sull’intelligenza artificiale, si è conclusa con il prezzo delle azioni che è tornato a nuovi massimi storici.

I risultati hanno generalmente corrisposto anche all’aumento del prezzo delle azioni, con una crescita della pubblicità in ripresa fino a un impressionante 20% nel terzo trimestre e margini di profitto quasi raddoppiati fino a oltre il 50%.

Recentemente, il CEO di Meta ha suggerito di allentare alcuni cordoni della borsa, con l’azienda che si accaparra chip ad alta potenza e mira a entrare nell’élite dell’intelligenza artificiale.

Quindi gli investitori non si aspetteranno nulla di simile a un altro raddoppio dei margini (cosa che sarebbe matematicamente impossibile da questo livello, ovviamente), ma spererebbero in progressi costanti da qui.

Il margine record dell’azienda prima degli interessi e delle tasse (EBIT) è stato del 56%, raggiunto nel quarto trimestre del 2017.

Dal punto di vista dei ricavi, è improbabile che la crescita del 22% del terzo trimestre si ripeta, ma gli investitori vorranno vedere una sana crescita di essi.

Meta è la meno costosa dei magnifici sette, con un rapporto prezzo/utili (P/E) di appena 22 volte; quindi, il continuo slancio della performance finanziaria potrebbe vedere l’espansione della valutazione.

Amazon: 1°febbraio

Nel lungo termine, il modo in cui Amazon (Nasdaq:AMZN) trarrà profitto fornendo ai propri acquirenti, venditori terzi e inserzionisti gli strumenti di intelligenza artificiale più recenti è probabilmente ciò che conta di più per il prezzo delle sue azioni.

Ma poiché tutto questo è ancora molto incerto, gli investitori rimangono concentrati sul business cloud di Amazon: AWS.

Come Azure di Microsoft, AWS dovrebbe ricevere una spinta dall’intelligenza artificiale, ma la percezione è che stia rimanendo indietro rispetto ad Azure perché manca della sofisticatezza di Microsoft x OpenAI.

Ora, AWS è cresciuto più lentamente di Azure (anche se, in una certa misura, è prevedibile dato che è un po’ più grande), ma dal punto di vista direzionale hanno seguito lo stesso percorso: entrambi hanno attraversato un periodo di decelerazione e stanno ora riprendendo vigore.

Ciò significa che si prevede che AWS migliorerà la crescita del 15% dell’ultimo trimestre, che a sua volta è stata costruita sul 12% del periodo precedente.

Al di fuori di AWS, la redditività del core business al dettaglio di Amazon è migliorata molto negli ultimi tempi, ridimensionando alcuni massicci investimenti nella logistica e vedendo un allentamento sia dell’inflazione salariale che dei colli di bottiglia nell’offerta.

Gli utili di Amazon al lordo degli interessi e delle imposte (EBIT). Fonte: Koyfin.

Nvidia: 21 febbraio

Nell’ultimo anno, le trimestrali di Nvidia (Nasdaq:NVDA) sono diventate i più attesi di tutti. Sono anche tra i più veloci e facili da decifrare.

Questo perché solo una cosa conta davvero: le entrate. L’azienda è estremamente redditizia grazie alla sua domanda strabiliante.

In questo momento, Nvidia sta correndo il più velocemente possibile solo per tenere il passo, e quando le aziende lo fanno, tendono ad essere più redditizie che mai.

Ciò significa che gli altissimi livelli di redditività di Nvidia probabilmente non dureranno.

Ma niente di tutto ciò è molto importante finché la crescita dei ricavi continua.

Nessuno sa quanto grandi potrebbero diventare le entrate di Nvidia: 100 miliardi di dollari sembrano una conclusione scontata, ma che dire di 200 o 500 miliardi di dollari?

Con il passare dei trimestri, gli investitori e gli analisti hanno la possibilità di ricalibrare il proprio pensiero, e questo non sarà diverso.

Ricordiamo che nel terzo trimestre dell’azienda (terminatosi a ottobre), l’azienda ha annunciato ricavi da capogiro pari a 18 miliardi di dollari. E prevedeva 20 miliardi di dollari per questo trimestre.

Ora, con la Cina che in qualche modo si è ritirata dalla folla dei grandi clienti a causa delle nuove restrizioni alle esportazioni, c’è un po’ di nervosismo riguardo a quelle forti previsioni sulle entrate (anche se non si direbbe, guardando il grafico dei prezzi).

Tuttavia, un numero di entrate molto inferiore a quei 20 miliardi di dollari verrebbe probabilmente accolto con un gemito e con qualche vendita di azioni.

A meno che, cioè, la società non accenni a un massiccio primo trimestre, forse qualcosa al di sopra dei 20 miliardi di dollari.

Ciò che è notevole di Nvidia è che la sua crescita sfrenata dei profitti ha effettivamente tenuto sotto controllo la sua valutazione.

Infatti, se si crede alle previsioni degli analisti per il 2025 (ovvero l’anno fiscale 2026 di gennaio di Nvidia), allora il titolo ha un rapporto prezzo/utili (P/E) solo pari a 24 volte.

Paradossalmente è il più economico di tutte le altre aziende in questo elenco, a parte Meta.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

2024: Fuga dalle azioni Tesla

- Pubblicità -

Soddisfa le tue aspirazioni finanziarie

Il Consulente Finanziario Indipendente che ti aiuta ad ottimizzare la tua vita finanziaria

Flavio Ferrara - Consulente Finanziario Indipendente
Flavio Ferrara
Flavio Ferrara
Consulente Finanziario Indipendente (delibera numero 2046 del 25/10/2022 con matricola n. 631131). Da sempre interessato alla finanza, ha dedicato gli studi nell'analisi tecno-grafica e nell'analisi fondamentale dei Mercati Finanziari. Laureato in Scienze Economiche, ha frequentato diversi corsi di specializzazione tra i quali un Master in Corporate Finance e un corso in Value Investing. Spinto dagli studi e dalla specializzazione in Finanza, ha deciso di iscriversi all’esame OCF, superato con successo, e diventare un Consulente Finanziario Indipendente. La sua esperienza non solo teorica è a disposizione per assistere le persone nel raggiungimento dei loro obiettivi finanziari. Sostiene il concetto di una sana pianificazione finanziaria, in cui gli investitori ottengono rendimenti attraverso il valore creato nell’economia reale.

Seguici su

- Pubblicità -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -