- Pubblicità -

Quale potrà essere la tendenza dell’Oro nel 2024?

- Pubblicità -

L’Oro ha avuto un 2023 forte, sfidando le aspettative in un contesto di tassi di interesse elevati e sovraperformando le materie prime, le obbligazioni e la maggior parte dei mercati azionari.

Per il 2024, il consenso del mercato prevede un “soft landing” negli USA., che dovrebbe avere effetti positivi anche sull’economia globale.

Storicamente, le fasi di “soft landing” dell’economia USA non sono state particolarmente attraenti per l’Oro, con conseguenti rendimenti piuttosto piatti o leggermente negativi.

Detto questo, ogni ciclo è diverso.

Questa volta, l’acuirsi delle tensioni geopolitiche in un anno elettorale chiave per molte delle principali economie, combinato con i continui acquisti da parte delle banche centrali, potrebbe fornire ulteriore sostegno all’Oro.

Inoltre, la probabilità che la Fed guidi l’economia americana verso un “soft landing” in un contesto di tassi mantenuti alti per parecchio tempo non è affatto certa. E una recessione globale è ancora in agguato.

Ciò dovrebbe incoraggiare molti investitori a detenere coperture efficaci, come l’Oro, nei l’Oro portafogli.

Scenari economici, con relative probabilità e principali fattori trainanti dell’Oro.

Tabella di riassunto dei vari scenari a cura World Gold Council: L’economia globale si trova ad affrontare tre probabili scenari nel 2024.

Sebbene le probabilità di mercato siano favorevoli alla Fed per un “soft landing”, questo risultato non sarebbe un’impresa da poco.

Storicamente, la Fed è riuscita ad attuare un atterraggio morbido solo due volte dopo nove cicli di inasprimento negli ultimi cinquant’anni.

Gli altri sette si sono conclusi con una recessione.

Ciò non sorprende: quando i tassi di interesse rimangono più alti per un periodo più lungo, generalmente aumenta la pressione sui mercati finanziari e sull’economia reale. In effetti, sette degli ultimi nove cicli di rialzo hanno provocato una recessione.

Il mercato del lavoro rimane il fattore chiave

Un fattore chiave per stabilire se le condizioni economiche possano evolversi da un “soft landing” a un “hard landing” (recessione), è il mercato del lavoro.

Per contestualizzare le cose, le precedenti recessioni negli Stati Uniti sono iniziate in media tra i cinque e i 13 mesi dopo che la crescita dei nuovi occupati ha raggiunto lo stesso livello di oggi.

Inoltre, la cosiddetta regola di Sahm, un indicatore di disoccupazione sviluppato dalla Fed di St Louis, lascia intendere che siamo a pochi mesi di distanza da una recessione.

Il terzo scenario possibile (però poco probabile) è un “no landing”. Questo scenario è caratterizzato da una riaccelerazione dell’inflazione e della crescita. La ripresa del settore manifatturiero statunitense e la ripresa dei salari reali sono due potenziali motori di tale scenario.

Uno scenario di “soft landing” potrebbe favorire le obbligazioni e gli asset rischiosi. Le aspettative di consenso sugli utili appaiono ottimistiche e gli alti tassi di interesse manterrebbero le obbligazioni attraenti.

Ciò è coerente con l’evidenza storica, con sia le obbligazioni che le azioni che hanno ottenuto buoni risultati nei due precedenti “soft landing”.

L’Oro, tuttavia, non ha avuto altrettanto successo, aumentando leggermente in uno e diminuendo nell’altro.

Se l’inflazione si raffreddasse più rapidamente dei tassi – come in gran parte si prevede che accada – i tassi di interesse reali rimarrebbero elevati.

Inoltre, una crescita inferiore alla media potrebbe limitare la domanda di Oro al consumo. In sintesi, l’atteso allentamento dei tassi potrebbe essere meno ottimista per l’Oro di quanto appaia in superficie.

Se la recessione diventasse realtà, una crescita più debole aiuterebbe a riportare l’inflazione verso gli obiettivi della banca centrale.

I tassi di interesse alla fine verrebbero tagliati come risposta di politica monetaria. Un contesto di questo tipo ha storicamente creato un ambiente positivo per i titoli di stato ad elevato rating e per l’Oro.

Il trend dell’Oro nel 2024 può essere condizionato anche da fattori diversi dallo scenario economico

Un fattore importante per il 2024 è costituito da numerosi rischi geopolitici.

Nel 2023 c’erano due rischi significativi: il fallimento della SVB e il conflitto Israele-Hamas. La geopolitica ha aggiunto tra il 3% e il 6% alla performance dell’Oro.

E in un anno in cui si svolgeranno importanti elezioni a livello globale, tra cui negli Stati Uniti, nell’UE, in India e Taiwan, la necessità di coperture di portafoglio da parte degli investitori sarà probabilmente più elevata del normale.

Gli acquisti da parte delle istituzioni ufficiali hanno aiutato l’Oro a sfidare le aspettative negli ultimi due anni.

Nel 2023 viene stimato che l’eccesso di domanda da parte delle banche centrali abbia aggiunto il 10% o più alla performance dell’Oro.

E probabilmente continueranno ad acquistare. Anche se il 2024 non raggiungerà gli stessi massimi dei due anni precedenti, prevediamo che qualsiasi acquisto superiore al trend (ovvero più di 450-500 tonnellate) dovrebbe fornire un’ulteriore spinta. Inoltre, la probabilità di una recessione non è insignificante.

Dal punto di vista della gestione del rischio, ciò fornirebbe un forte sostegno all’ipotesi di mantenere un’allocazione strategica all’Oro nel portafoglio.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Previsioni Petrolio: l’OPEC+ continua a tagliare la produzione di greggio, dove andranno i prezzi?

- Pubblicità -

Soddisfa le tue aspirazioni finanziarie

Il Consulente Finanziario Indipendente che ti aiuta ad ottimizzare la tua vita finanziaria

Flavio Ferrara - Consulente Finanziario Indipendente
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Seguici su

- Pubblicità -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -