- Pubblicità -

I pericoli per la stabilità finanziaria non sono scomparsi: sono solo in agguato

- Pubblicità -

Il polverone della minicrisi bancaria della scorsa primavera sembra quasi essersi calmato, ma probabilmente non bisogna ancora abbassare la guardia.

La Banca Centrale Europea ha appena pubblicato i risultati della sua ultima revisione della stabilità finanziaria e afferma che le minacce al sistema non sono scomparse: sono solo in agguato.

Ciò significa che ci troviamo in una situazione delicata, in cui eventi politici o economici inaspettati, o problemi derivanti da banche ombra non regolamentate, potrebbero innescare una cascata di problemi.

Ecco cosa tenere d’occhio…

Allora, qual è il problema?

L’Europa potrebbe non essere di fronte ad un crollo imminente, ma gli esperti di stabilità finanziaria della BCE hanno scoperto che tre tipi di rischi potrebbero mettere in pericolo il sistema finanziario.

Rischio di default: i mutuatari potrebbero avere difficoltà a effettuare i pagamenti del proprio debito se i tassi di interesse rimangono più alti per un periodo più lungo.

Sulla scia degli aumenti dei tassi di interesse più aggressivi della storia, i costi di finanziamento sono saliti alle stelle per tutti: non solo per le famiglie, ma anche per le grandi aziende, le istituzioni finanziarie e persino i governi.

Questa impennata comporta costi più elevati per coloro i cui prestiti non sono vincolati a lungo termine, per coloro che hanno bisogno di rifinanziarsi e per coloro che devono contrarre nuovi debiti.

Idealmente, ciò rallenterebbe semplicemente l’indebitamento e raffredderebbe l’economia, ma in uno scenario negativo – il tipo che storicamente si è verificato più spesso di quanto non si verifichi – potrebbe lasciare molte persone e aziende incapaci di pagare i propri debiti.

Anche i governi non sono immuni e i rischi stanno aumentando, soprattutto in aree già gravate da un debito elevato, come Grecia, Italia e Portogallo.

Finora il colpo è stato sorprendentemente debole. Questo perché le famiglie hanno risparmiato durante la pandemia e le aziende e i governi hanno bloccato prestiti a lungo termine a tassi bassi.

Ma queste cose dureranno solo per un certo periodo e il pieno impatto di questi forti aumenti dei tassi è all’orizzonte.

Ciò potrebbe minacciare seriamente le aziende più deboli e i consumatori più poveri. E, certo, i tassi di interesse hanno probabilmente raggiunto il loro picco e molti si aspettano che scendano già dal prossimo anno.

Ma le riforme in corso nell’UE, un’impennata dei costi energetici dovuta alle tensioni geopolitiche o una recrudescenza dell’inflazione potrebbero mantenere i tassi di interesse più alti più a lungo.

Rischio economico: le famiglie e le imprese potrebbero avere difficoltà a onorare il servizio del debito se l’economia si indebolisce.

L’economia in Europa è stata lenta, soprattutto se paragonata a quella degli Stati Uniti, e si trova ad affrontare una prospettiva cupa con tassi di interesse elevati che smorzano le prospettive di una ripresa il prossimo anno.

La situazione è ulteriormente complicata da un potenziale aumento dei prezzi dell’energia e da un rallentamento dell’economia cinese.

In altre parole, non si trova di fronte ad un crollo immediato ma ci sono grossi rischi al ribasso.

Un rallentamento economico più profondo potrebbe ridurre la spesa dei consumatori e colpire i profitti delle aziende, soprattutto se accompagnato da un aumento della disoccupazione o da un’inflazione persistentemente elevata.

Anche questo potrebbe portare molti mutuatari a non onorare il proprio debito. In effetti, con i tassi di default che superano già i livelli pre-pandemia, ciò potrebbe già aver cominciato ad accadere.

Rischio di rivalutazione degli immobili: l’erosione della domanda potrebbe portare a un calo critico dei valori degli immobili commerciali.

Il settore immobiliare commerciale sta attraversando un momento difficile.

Dopo la pandemia, la domanda di edifici per uffici e centri commerciali è diminuita e il costo per finanziarli è aumentato notevolmente, causando stress nel settore.

È difficile dire fino a che punto i prezzi immobiliari siano scesi a questo punto perché non esiste un parametro chiaro e onnicomprensivo.

E anche se questa situazione da sola potrebbe non essere abbastanza grave da spingere il settore bancario dell’Eurozona al di sotto dei requisiti patrimoniali minimi, sia le banche regolari che quelle ombra (quelle che operano come banche ma con meno supervisione) potrebbero affrontare problemi.

Dopotutto, entrambi hanno prestato molti soldi al settore. Inoltre, le difficoltà del mercato immobiliare stanno rendendo le cose più difficili per le famiglie nell’area dell’euro, aggiungendo ulteriore stress alla situazione.

Questi sono quindi i rischi che potrebbero mettere sotto pressione l’economia e i mercati. Ma ci sono altri rischi che potrebbero peggiorare le cose e diffondere problemi a tutto il sistema finanziario:

Rischi bancari : tassi di interesse più elevati e aumento del costo della vita possono ostacolare notevolmente la capacità dei mutuatari di rimborsare i propri prestiti.

La buona notizia è che il settore bancario europeo si trova in una posizione molto migliore ora rispetto a prima della crisi finanziaria globale.

Ha solide basi finanziarie e ha dimostrato di essere in grado di gestire le turbolenze del mercato, come la minicrisi bancaria di quest’anno negli Stati Uniti e in Svizzera.

Nonostante alcune recenti diminuzioni delle principali misure finanziarie, la stabilità complessiva del settore è ancora solida, come dimostrato anche dagli ultimi stress test dell’Autorità bancaria europea nel 2023.

La cattiva notizia è che le banche europee si trovano ancora ad affrontare numerose sfide. Tassi di interesse più elevati e aumento del costo della vita stanno rendendo più difficile per i mutuatari rimborsare i propri prestiti, il che alla fine potrebbe danneggiare la qualità degli asset delle banche.

C’è anche una diminuzione della domanda di prestiti e un aumento dei costi per le banche che prendono in prestito denaro, il che potrebbe incidere sui loro profitti.

Anche il mercato immobiliare, sia commerciale che residenziale, è instabile, il che si aggiunge ai problemi delle banche data la loro elevata esposizione al settore. Sebbene le inadempienze sui prestiti siano ancora basse, ci sono segnali che stanno riprendendo, suggerendo che le banche potrebbero essere sotto pressione prima piuttosto che dopo.

Rischi delle banche ombra : le tensioni in queste istituzioni non bancarie interconnesse potrebbero diffondersi rapidamente, intensificando gli shock di mercato.

Le banche ombra, che comprendono entità come fondi di investimento e compagnie assicurative, funzionano in modo simile alle banche tradizionali ma con meno regolamentazione e supervisione.

Si trovano ad affrontare rischi significativi a causa del loro elevato indebitamento (leva finanziaria) e della potenziale carenza di liquidità (disallineamento di liquidità).

Questi problemi potrebbero aggravarsi in un’economia difficile, portando a drastici cambiamenti dei prezzi degli asset e minacciando la stabilità finanziaria.

La scarsa liquidità o attività del mercato, in particolare nei mercati obbligazionari, potrebbe esacerbare le fluttuazioni dei prezzi.

Inoltre, le entità finanziarie con leva finanziaria potrebbero trovarsi nella necessità di vendere rapidamente attività per soddisfare le richieste di margine, una situazione che potrebbe creare una spirale discendente di calo dei prezzi e ulteriori vendite.

Che cosa significa tutto questo?

In questo momento, i mercati finanziari sono ottimisti: la volatilità è estremamente bassa, le azioni stanno andando alla grande e il ritorno extra che gli investitori desiderano per investimenti più rischiosi è piuttosto minimo.

Tuttavia, questa atmosfera positiva è delicata e le cose potrebbero andare rapidamente di male in peggio se le cose non vanno secondo i piani.

Lo scenario di base resta che tutto andrà bene, ma non bisogna ignorare i rischi in agguato per la stabilità finanziaria.

Soprattutto perché le crisi finanziarie sono imprevedibili, difficili da cronometrare e quasi sempre finiscono per essere più gravi del previsto.

In tempi così incerti, è prudente concentrarsi su ciò che puoi controllare, ad esempio garantire che il tuo portafoglio sia costruito per resistere a shock imprevisti.

Ciò potrebbe comportare l’evitare la leva finanziaria e avere un piano d’azione, sia mentale che finanziario, e potrebbe anche comportare il mantenimento di liquidità a disposizione per le opportunità emergenti.

In sostanza, si tratta di essere cauti e preparati agli imprevisti in un panorama in cui le vulnerabilità possono emergere da ambiti imprevisti.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Previsioni 2024 S&P 500: Sfide e opportunità per gli investitori

- Pubblicità -

Soddisfa le tue aspirazioni finanziarie

Il Consulente Finanziario Indipendente che ti aiuta ad ottimizzare la tua vita finanziaria

Flavio Ferrara - Consulente Finanziario Indipendente
Flavio Ferrara
Flavio Ferrara
Consulente Finanziario Indipendente (delibera numero 2046 del 25/10/2022 con matricola n. 631131). Da sempre interessato alla finanza, ha dedicato gli studi nell'analisi tecno-grafica e nell'analisi fondamentale dei Mercati Finanziari. Laureato in Scienze Economiche, ha frequentato diversi corsi di specializzazione tra i quali un Master in Corporate Finance e un corso in Value Investing. Spinto dagli studi e dalla specializzazione in Finanza, ha deciso di iscriversi all’esame OCF, superato con successo, e diventare un Consulente Finanziario Indipendente. La sua esperienza non solo teorica è a disposizione per assistere le persone nel raggiungimento dei loro obiettivi finanziari. Sostiene il concetto di una sana pianificazione finanziaria, in cui gli investitori ottengono rendimenti attraverso il valore creato nell’economia reale.

Seguici su

- Pubblicità -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -