- Pubblicità -

FOMC della FED: nessuna novità o tante novità?

- Pubblicità -

Come ampiamente previsto, la Federal Reserve ha mantenuto il tasso di riferimento al 5,25%-5,50% per la seconda riunione consecutiva e per la terza volta quest’anno.

Tutti i membri votanti del FOMC hanno votato a favore del mantenimento del tasso invariato.

L’ultimo rialzo dei tassi è avvenuto a luglio, portando il tasso al massimo degli ultimi 22 anni, mentre la Banca Centrale si sforza di portare l’inflazione al 2%.

I mercati azionari si sono ripresi alla notizia che la Fed non avrebbe aumentato i tassi di interesse e il rally nei mercati obbligazionari (rendimenti più bassi) ha subito un’accelerazione durante la conferenza stampa.

Il Federal Open Market Committee ha mantenuto aperte le opzioni per futuri rialzi dei tassi se l’economia statunitense non si calma come previsto. “Nel determinare l’entità dell’ulteriore rafforzamento della politica monetaria che potrebbe essere appropriato per riportare l’inflazione al 2% nel tempo, il Comitato prenderà in considerazione l’inasprimento cumulativo della politica monetaria, il ritardo con cui la politica monetaria influenza l’attività economica e l’inflazione, e gli aspetti economici e finanziari.

Il fulcro è il riconoscimento da parte della Fed dell’impatto che l’aumento dei tassi a lungo termine avrà sull’economia.

“Le condizioni finanziarie e creditizie più restrittive per le famiglie e le imprese probabilmente peseranno sull’attività economica, sulle assunzioni e sull’inflazione”, ha affermato il comitato.

Nonostante questa linea suggerisca una contrazione economica, crediamo che i mercati abbiano interpretato male la dichiarazione della Fed nella sua interezza.

Una pausa al “bear steepening”?

Grafico settimanale Tesoro USA 10 anni

Il cambiamento più notevole nell’economia dalla riunione di settembre è arrivato sotto forma di tassi a lungo termine più alti.

In meno di sei settimane, il segmento lungo della curva dei titoli del Tesoro (sette anni e oltre) ha visto aumenti dei tassi compresi tra 50 e 70 punti base poiché gli investitori sono diventati più preoccupati per la futura offerta di debito rispetto all’inflazione e alla politica dei tassi.

Il segmento a lungo termine della curva dei rendimenti è sceso di circa 8 punti base dopo la decisione ed ha accelerato fino a 13 punti base mentre i mercati azionari si avviavano verso la chiusura.

Anche se la Fed non ha alzato i tassi, continua a ridurre il suo bilancio, che agisce per inasprire la politica monetaria.

“Il comitato continuerà a ridurre le sue partecipazioni in titoli del Tesoro, debito delle agenzie e titoli garantiti da ipoteca delle agenzie, come descritto nei piani precedentemente annunciati”, ha affermato.

La Fed ha riconosciuto un’attività economica “solida” nel terzo trimestre e ha osservato che i guadagni occupazionali si sono moderati rispetto all’inizio del 2023, ma rimangono ancora forti.

I politici sottolineano che condizioni finanziarie e creditizie più restrittive “probabilmente” peseranno sull’attività economica, comprese le assunzioni e l’inflazione.

Tuttavia, “la portata di questi effetti rimane incerta. Quindi per il momento non vi sono indicazioni sufficienti per ritenere che il “ber steepening” sia terminato.

Le decisioni della Fed possono cambiare il trend o è stato solo un “relief rally”?

Grafico orario S&P 500

Nonostante l’ottimismo riguardo alla possibilità che la Fed abbia “finito” i rialzi dei tassi, il mercato potrebbe sbagliarsi per due ragioni.

Innanzitutto, al momento non ci sono prove che suggeriscano che i prezzi in qualsiasi momento negli ultimi 12 mesi stiano rallentando a un tasso di aumento del 2% all’anno.

In effetti, gli aumenti dei prezzi mese su mese hanno subito un’accelerazione negli ultimi due mesi, suggerendo che l’inflazione su base annua potrebbe raggiungere un livello minimo del 3,5%.

In secondo luogo, la stessa dichiarazione della Fed non suggerisce alcun allentamento.

In effetti, la prima frase, se confrontata con la dichiarazione del 1° febbraio (nove mesi fa), mostra che la Fed sta riconoscendo una crescita economica più forte rispetto all’inizio di quest’anno.

Più avanti nella dichiarazione, la guerra in Ucraina che mette a dura prova l’economia statunitense è stata sostituita da condizioni finanziarie più restrittive.

Sebbene esistano ritardi nella politica monetaria, la Fed ha aumentato il tasso dei fondi Fed di soli 75 punti base negli ultimi nove mesi.

Gli altri 400 punti base precedenti di aumento dei Fed Funds sono già stati assorbiti dall’economia!

Se i rapporti sull’inflazione di ottobre e novembre non mostreranno alcun progresso significativo (un percorso definito verso un’inflazione al 2% nell’ambito delle proiezioni della Fed), gli investitori dovranno prepararsi a un aumento dei tassi da parte della Fed di 25 punti nella riunione di dicembre del FOMC e prevedere una tenuta a tali livelli fino alla fine. del 2024.

Ciò significherebbe un aumento di 50 punti base nelle proiezioni dei fondi Fed per il 2024. La volatilità insomma potrebbe continuare.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Grafici forniti da TradingView. Visita il sito per accedere ad una serie di funzionalità avanzate, come il calendario economico.

Approfondimento

Powell non molla la presa e punta ad un rialzo dei rendimento sulla parte unga della curva

- Pubblicità -

Soddisfa le tue aspirazioni finanziarie

Il Consulente Finanziario Indipendente che ti aiuta ad ottimizzare la tua vita finanziaria

Flavio Ferrara - Consulente Finanziario Indipendente
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Seguici su

- Pubblicità -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -