- Pubblicità -

Settore Automotive: il punto della situazione sulle azioni Tesla

- Pubblicità -

Rimbalzo delle azioni Tesla dopo la pubblicazione dei dati sulle vendite ne III Trim., ma il settore automotive sta mostrando segni di rallentamento.

Il parametro del tasso di vendita giornaliero nel mese di settembre riflette la continua decelerazione rispetto alle letture mensili realizzate da marzo a luglio.

Inoltre, la situazione per il quarto trimestre è nebulosa a causa dello sciopero in corso della United Auto Workers contro General Motors, Ford Motor e Stellantis.

Inoltre, le azioni di sciopero della UAW potrebbero alla fine portare a perdite cumulative che raggiungono centinaia di migliaia di unità.

I livelli di inventario al dettaglio a settembre si aggirano intorno a 1,3 milioni di unità, con un aumento del 15,4% rispetto al mese scorso e un ampio aumento del 36,5% rispetto a settembre di un anno fa.

Gli sconti dei produttori a settembre sono stati relativamente stabili rispetto ad agosto, ma sono aumentati sostanzialmente rispetto al settembre 2022, quando gli incentivi erano ai minimi storici.

Nel frattempo, i prezzi elevati insieme agli aumenti dei tassi di interesse continuano a gonfiare i pagamenti mensili dei prestiti e ad aumentare le preoccupazioni sull’accessibilità economica delle auto.

Azioni Tesla: vendite sequenziali in diminuzione, anche se leggermente meglio delle previsioni

Tesla (Nasdaq:TSLA) ha dichiarato di aver prodotto 430.488 veicoli e di aver consegnato 435.059 veicoli durante il terzo trimestre.

Tesla ha affermato che un calo sequenziale dei volumi è stato causato dai tempi di inattività pianificati per gli aggiornamenti della fabbrica, come discusso nell’ultima conferenza sugli utili e ha lasciato invariato l’obiettivo di volume di Tesla per il 2023 di circa 1,8 milioni di veicoli.

Durante il secondo trimestre, Tesla aveva consegnato 466.140 e aveva prodotto 479.700 veicoli.

Nel primo trimestre del 2023, Tesla aveva consegnato 422.875 veicoli e prodotto 440.808 unità. Tesla pubblicherà i suoi risultati finanziari per il terzo trimestre del 2023 dopo la chiusura del mercato il 18 ottobre.

Come abbiamo spiegato nel nostro articolo di inizio settembre https://www.word2invest.com/2023/09/azioni-tesla-e-sostenibile-che-la-capitalizzazione-di-mercato-813-miliardi-di-dollari-sia-superiore-a-quella-dei-suoi-5-maggiori-concorrenti-messi-insieme/

Le azioni Tesla hanno attualmente una valutazione di gran lunga superiore a ciò che anche l’ottimismo più sfrenato può giustificare.

Anche se Tesla quintuplicasse la produzione entro il 2030 mantenendo margini e costi del capitale ai vertici del settore, sarebbe ancora sopravvalutata di quasi il 50%.

Lo sforzo di giustificare l’attuale valutazione di Tesla sulla base delle sue imprese non automobilistiche è ancora più arduo.

Il business solare di Tesla è in declino da anni, mentre il business dello stoccaggio delle batterie rappresenta solo il 6% del fatturato.

Inoltre, entrambi questi segmenti sono anche ostacolati dalle pressioni concorrenziali a causa della loro natura di business essenzialmente di materie prime.

Il programma di autonomia di Tesla, nel frattempo, rimane poco più che una promessa folle con poco materiale da dimostrare.

Tesla potrebbe riuscire a placare gli investitori ancora per un po’ con ulteriori promesse vuote che “il prossimo anno” sarà l’anno del robotaxi, ma il tempo stringe.

La produzione cinese può diventare un problema per le azioni Tesla

La capacità di Tesla Shanghai è di 1 milione di veicoli elettrici (“EV”) all’anno.

La regola pratica dell’industria automobilistica è che qualsiasi utilizzo inferiore all’80% è negativo, il che per Tesla significa mantenere una produzione di circa 67.000 unità al mese.

Vendere così tante auto sarà complicato. Le vendite nazionali di Tesla sono state in media di soli 52.000 al mese dall’eliminazione delle sanzioni Covid, ma il mercato cinese dei veicoli elettrici non cresce più rapidamente.

Tesla non può contare sull’espansione del mercato. Le sanzioni antidumping europee elimineranno 25.000 unità di esportazioni mensili da Shanghai.

L’aggiornamento della Model 3 non è sufficiente. I siti cinesi di recensioni di auto lo considerano di dimensioni minime e non giustifica il prezzo più alto.

Non aumenterà le vendite. Tesla si trova di fronte al dilemma che tutte le case automobilistiche si trovano ad affrontare prima o poi: può fare sconti per mantenere le vendite oppure può accettare una quota di mercato inferiore e affrontare costi nettamente più elevati.

Ora Tesla parte da una posizione forte, quindi questo non renderà necessariamente la Cina non redditizia.

Ma essendo il più grande sito di produzione di Tesla, i problemi a Shanghai danneggeranno i profitti e le quotazioni delle azioni Tesla.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Azioni Kellogg: interessante spinoff per gli azionisti

- Pubblicità -

Soddisfa le tue aspirazioni finanziarie

Il Consulente Finanziario Indipendente che ti aiuta ad ottimizzare la tua vita finanziaria

Flavio Ferrara - Consulente Finanziario Indipendente
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Seguici su

- Pubblicità -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -