- Pubblicità -

Previsioni FED: si rischia di arrivare al 7%?

- Pubblicità -

Da marzo 2022, il FOMC ha alzato il tasso di interesse di riferimento 11 volte, portandolo all’intervallo target del 5,25%-5,5%, il livello più alto in 22 anni.

Le minute del FOMC di settembre sono un utile contributo per fare previsioni sulle future mosse della FED.I membri del FOMC hanno espresso pareri diversi sulla necessità di eventuali ulteriori aumenti dei tassi di interesse, anche se la maggioranza ha indicato a che un ulteriore aumento sarebbe stato probabile.

Nonostante le opinioni contrastanti all’interno del FOMC sulla necessità di ulteriori rialzi di tassi, c’è stata unanimità sul fatto i tassi debbano rimanere alti finché la FED non sarà convinta che l’inflazione stia tornando al target del 2%.

La maggioranza dei partecipanti al FOMC si è dimostrata favorevole un futuro ulteriore aumento del tasso obiettivo dei fondi federali, mentre alcuni hanno ritenuto che sarebbero stati giustificati ulteriori aumenti.

Tutti i membri del FOMC hanno concordato sulla necessità di procedere con cautela sulle decisioni future, basandosi più sui dati in arrivo piuttosto che su qualsiasi piano di azione preimpostato.

Il punto su cui c’è stato completo accordo all’interno del FOMC è stata che la politica deve rimanere restrittiva per un certo periodo finché il FOMC non sarà convinto che l’inflazione stia scendendo verso il suo obiettivo del 2%.

Sebbene il FOMC abbia votato contro un rialzo dei tassi nella riunione di settembre, circa due terzi del comitato ha indicato che sarebbe necessario un ulteriore aumento entro la fine dell’anno.

La reazione dei mercati obbligazionari dopo la riunione di settembre è stata il più classico dei “bear steepening”, il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è aumentato di circa un quarto di punto percentuale, perché le previsioni sulle mosse future della FED scontano l’aumento dei tassi indicato dalla maggioranza dei membri del FOMC.

Allarme del CEO di JP Morgan: I tassi possono arrivare a livelli insostenibili

Grafico mensile Tesoro USA 10 anni

Il CEO di JP Morgan Dimon ha lanciato un allarme, in contrasto con il consenso più ampio secondo cui la Fed si sta avvicinando alla fine del suo ciclo di inasprimento, che ha visto il tasso di riferimento salire al 5,5% – il livello più alto in 22 anni.

Secondo Jamie Dimon “Il caso peggiore è il 7% con la stagflazione”, se si avranno volumi più bassi e tassi più alti, ci sarà stress nel sistema”.

Il CEO di JP Morgan ha invitato i clienti a essere preparati a questo tipo di stress.

“Warren Buffet dice che scopri chi sta nuotando nudo quando la marea si abbassa. Quella sarà la marea che si abbassa”, ha avvertito Dimon.

“Questi 200 punti base (dal 5% al 7%) saranno più dolorosi che essere passati dal 3% al 5%.” Dimon ha menzionato alcuni dei rischi che potrebbero portare a un duro atterraggio per l’economia statunitense, tra le tensioni geopolitiche  in diverse aree del mondo (Ucraina, Israele e Taiwan) e i prezzi del petrolio.

“Dobbiamo affrontare tutti questi problemi seri nel tempo, e la crescita in deficit di bilancio non può continuare per sempre”.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Confronto azioni vs obbligazioni negli U.S.A. in un’ottica a 12-18 mesi

- Pubblicità -

Soddisfa le tue aspirazioni finanziarie

Il Consulente Finanziario Indipendente che ti aiuta ad ottimizzare la tua vita finanziaria

Flavio Ferrara - Consulente Finanziario Indipendente
Flavio Ferrara
Flavio Ferrara
Consulente Finanziario Indipendente (delibera numero 2046 del 25/10/2022 con matricola n. 631131). Da sempre interessato alla finanza, ha dedicato gli studi nell'analisi tecno-grafica e nell'analisi fondamentale dei Mercati Finanziari. Laureato in Scienze Economiche, ha frequentato diversi corsi di specializzazione tra i quali un Master in Corporate Finance e un corso in Value Investing. Spinto dagli studi e dalla specializzazione in Finanza, ha deciso di iscriversi all’esame OCF, superato con successo, e diventare un Consulente Finanziario Indipendente. La sua esperienza non solo teorica è a disposizione per assistere le persone nel raggiungimento dei loro obiettivi finanziari. Sostiene il concetto di una sana pianificazione finanziaria, in cui gli investitori ottengono rendimenti attraverso il valore creato nell’economia reale.

Seguici su

- Pubblicità -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -