- Pubblicità -

L’inflazione USA non molla e aumentano le probabilità di una “piccola” recessione nel 2024

- Pubblicità -

La resistenza alla discesa del tasso di inflazione può portare ad una piccola recessione nel corso del 2024.

Non è un segreto che molti degli indicatori tradizionali lanciano segnali di allarme già da qualche tempo, ma l’economia finora è riuscita a mantenere lontane le aspettative negative.

A quasi 18 mesi dall’inizio del ciclo di rialzo dei tassi, la crescita è rimasta sorprendentemente forte, sostenuta da una disoccupazione ai minimi storici e dai consumatori che continuano a spendere, grazie ai rialzi salariali.

La natura insolita di questo ciclo economico e gli interventi politici che hanno riversato denaro nell’economia hanno reso difficile per gli investitori capire lo scenario.

Fed: mission impossible?

Parlando di sfida, alla Fed è stato lasciato un compito quasi impossibile: trovare una soluzione che misuri la giusta dose di moderazione necessaria per riportare l’inflazione al livello target, evitando nel frattempo la recessione, con le sue conseguenze sull’economia e sui consumatori.

Nonostante siano stati compiuti notevoli progressi, l’ultimo miglio è carico di incertezze.

Il problema è che il calcolo degli effetti degli stimoli record e della spesa in corso non è mai stato fatto prima.

Un tempo si credeva che l’inflazione fosse un problema “temporaneo” a partire dal 2021, ma il tasso di inflazione ha sfidato quelle previsioni ed è salito fino a raggiungere un picco nel giugno 2022.

La Fed afferma di essere determinata a riportare l’inflazione al livello del 2,0%, ma così non è.

Non prevediamo di arrivarci prima del 2025, circa quattro anni dopo che l’inflazione ha cominciato a salire.

I prezzi più alti per l’intero spettro di beni e servizi: benzina, cibo, alloggio, automobili, tariffe delle camere d’albergo e ristoranti, sono aumenti dei prezzi che non scompariranno presto.

Sarebbe poco sensato credere che questo problema non avrà un impatto anche nel prossimo anno, e forse ben oltre.

L’obiettivo della Fed è il 2%, ma riportare l’inflazione al 2,0% non è sufficiente.

È necessario che l’inflazione diminuisca e rimanga tale per un certo periodo per contrastare l’effetto cumulativo negativo derivante dalla corsa inflazionistica di lunga durata.

La Fed manterrà sicuramente la sua politica restrittiva più a lungo, ma ancora una volta è “bloccata”.

Dubitiamo che la Fed possa allentare le redini anche dopo che l’inflazione avrà raggiunto il suo obiettivo, poiché dovrà aspettare fino a quando questa rincorsa dell’inflazione non verrà invertita.

Il trend dei consumi può subire una battuta di arresto

L’inflazione non risparmia nessuno.

Erode il potere d’acquisto del consumatore e può portare alla recessione. Sfortunatamente, i soggetti più colpiti sono coloro che si trovano nella fascia più bassa della scala dei redditi e coloro che dipendono da un reddito fisso.

Non possono facilmente evitare l’aumento dei prezzi del cibo e dell’energia e l’aumento degli affitti che consumano una parte molto ampia della loro retribuzione.

Ciò che guida l’economia americana è la spesa dei consumatori, che costituisce quasi il 70% del PIL.

Con il mercato del lavoro ancora molto forte, gli aumenti salariali e tutti gli stimoli pandemici che avrebbero mai potuto desiderare, i consumatori hanno resistito agli aggressivi aumenti dei tassi della Fed e ai maggiori costi di finanziamento.

Nelle ultime settimane sono emersi alcuni motivi per cui possiamo aspettarci che le cose cambino. Per cominciare, il mercato del lavoro si sta indebolendo.

In secondo luogo, i risparmi in eccesso derivanti dalla pandemia sono evaporati, quindi i consumatori non hanno più un cuscinetto per sostenere la propria spesa.

In terzo luogo, con la ripresa dei pagamenti dei prestiti studenteschi prevista per il 1° ottobre (che probabilmente sottrarrà lo 0,4% dalla spesa dei consumatori nel 2024) e l’aumento dei prezzi del gas mentre i prezzi del petrolio salgono (da ~$68/bbl a ~$90/bbl), i consumatori avranno meno reddito discrezionale da spendere in futuro.

I tassi dei mutui, delle automobili e delle carte di credito sono aumentati drasticamente da quando la Fed ha avviato la sua campagna di rialzo dei tassi, quasi due anni fa.

Di conseguenza, l’accessibilità economica sta diventando una questione importante.

Il dato del Producer Price Index è aumentato dello 0,5% a settembre e il tasso core è aumentato dello 0,3%.

Sono dati più alti del previsto.

Questi seguono rispettivamente i guadagni dello 0,7% e dello 0,2% in agosto. Quando consideriamo l’inflazione nel contesto di un obiettivo della Fed del 2%, l’inflazione è tutt’altro che morta.

L’Indice Prezzi al Consumo primario è aumentato dello 0,4% a settembre e quello core dello 0,3%, con il primo più caldo del previsto. Questi seguono rispettivamente i guadagni dello 0,6% e dello 0,3% in agosto.

Il ritmo su 12 mesi è rimasto invariato al 3,7% a/a per il secondo mese. Il core è rallentato al 4,1% a/a dal 4,3% a/a ed è il più basso da settembre 2021.

Per quanto riguarda i dettagli mensili, ci sono stati solo modesti guadagni nelle componenti esterne all’energia e, in una certa misura, nei servizi e nell’edilizia abitativa.

Il consumer sentiment misurato dall’Università del Michigan è crollato di 5,1 punti a 63,0 nel report preliminare di ottobre. Si tratta di un dato molto più debole del previsto, il terzo calo consecutivo e il calo più grande dallo scorso giugno.

Gran parte della debolezza risiede nella componente delle aspettative, scesa a 60,7 dal precedente 66,0. L’indice delle condizioni attuali è crollato a 66,7 da 71,4. L’indice dell’inflazione a 1 anno è salito al tasso del 3,8%, il più alto dal calo del 4,2% di maggio.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Rischi economico finanziari per la guerra in Medio Oriente: la Cina sta accumulando scorte di petrolio in previsione di un’interruzione geopolitica dell’offerta?

- Pubblicità -

Soddisfa le tue aspirazioni finanziarie

Il Consulente Finanziario Indipendente che ti aiuta ad ottimizzare la tua vita finanziaria

Flavio Ferrara - Consulente Finanziario Indipendente
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Seguici su

- Pubblicità -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -