- Pubblicità -

Settore automobilistico: nei prossimi 10 anni quale sarà la soluzione tecnologica vincente: Full Electric, Fuel Cells oppure Hybrid?

- Pubblicità -

Il settore automobilistico è in profonda trasformazione, essendo alle prese con la transizione verso l’elettrico.

In questo momento il bottleneck che impedisci uno sviluppo più veloce dell’auto elettrica è rappresentato dalle batterie, perché hanno una capacità ancora molto ridotta e gli sviluppi tecnologici del prossimo futuro non danno ancora sufficienti garanzie di miglioramenti importanti.

Il secondo limite è l’infrastruttura di ricarica: solo i Supercharger di Tesla consentono ricariche veloci, ma sono troppo pochi e i costi sono molto elevati, tanto che Tesla punta a fatturare 20 mld id ollari solo per le ricariche effettuate con i Supercharger.

Secondo i nuovi dati di Experian, la quota di veicoli elettrici (EV) nel mercato dei veicoli nuovi negli Stati Uniti si è stabilizzata al 7,1% nella prima metà del 2023.

Ciò avviene dopo una crescita costante dei veicoli elettrici nel 2021 e nel 2022.

Anche Tesla, il principale produttore di veicoli elettrici, ha registrato un rallentamento della crescita nonostante le riduzioni dei prezzi e gli incentivi alle vendite.

Gli analisti suggeriscono che il raffreddamento della domanda di veicoli elettrici durante la prima metà di quest’anno indica un cambiamento nell’adozione da parte dei consumatori, poiché i primi ad adottare sono già entrati nel mercato.

Le principali sfide per l’ulteriore adozione dei veicoli elettrici includono i prezzi elevati dei veicoli e la mancanza di infrastrutture di ricarica.

L’amministrazione Biden ha proposto norme sulle emissioni che di fatto richiedono alle case automobilistiche statunitensi di spostare le loro vendite a due terzi di veicoli elettrici entro il 2032 – una proposta che GM e l’associazione che rappresenta la maggior parte delle case automobilistiche negli Stati Uniti hanno definito irrealistica.

Come funzionano i veicoli elettrici a celle a combustibile utilizzando l’idrogeno?

L’utilizzo dell’idrogeno sarà una componente fondamentale per arrivare agli obiettivi di zero net emissions programmati per essere raggiunti entro il 20250.

L’International Renewable Energy Agency (IRENA) stima che l’idrogeno possa arrivare a coprire fino al 12% del consumo energetico globale entro il 2050.

L’incremento dell’utilizzo di idrogeno deve però passare attraverso un calo dei costi dell’idrogeno verde, per raggiungere una soglia competitiva di 2 dollari/kg (o 50 dollari/MWh), obiettivo raggiungibile entro il 2026 nelle aree ricche di risorse e grazie alla crescente politica internazionale sostegno.

Per rendere attuabile un incremento massiccio dell’utilizzo dell’idrogeno sarà necessario i la produzione di idrogeno a basso contenuto di carbonio e il trasporto dell’idrogeno a lunga distanza, collegando aree di produzione e consumo attraverso la riqualificazione di infrastrutture esistenti come quella di Snam, sarà fondamentale in quanto il modello di sviluppo centralizzato è più efficiente (consegna di idrogeno a 2-4 dollari/kg entro il 2030 rispetto a 4-10 dollari/kg per il modello decentralizzato basato sulla produzione locale di idrogeno, secondo le stime di Snam per l’Italia).

Come i veicoli completamente elettrici, i veicoli elettrici a celle a combustibile (FCEV) utilizzano l’elettricità per alimentare un motore elettrico.

A differenza di altri veicoli elettrici, i FCEV producono elettricità utilizzando una cella a combustibile alimentata a idrogeno, anziché prelevare elettricità solo da una batteria.

Sebbene le case automobilistiche possano progettare un FCEV con funzionalità plug-in per caricare la batteria, la maggior parte dei FCEV oggi utilizza la batteria per recuperare l’energia di frenata, fornendo potenza extra durante brevi eventi di accelerazione e per livellare la potenza erogata dalla cella a combustibile con l’opzione di al minimo o spegnere la cella a combustibile durante le esigenze di bassa potenza.

La quantità di energia immagazzinata a bordo è determinata dalla dimensione del serbatoio dell’idrogeno.

Questo è diverso da un veicolo completamente elettrico, dove la quantità di potenza ed energia disponibile sono entrambe strettamente correlate alle dimensioni della batteria.

I modelli ibridi risultano al momento la scelta vincente

Tra i grandi produttori solo Toyota continua a mantenere un atteggiamento prudente e va avanti con lo sviluppo dell’auto a motore hybrid, senza puntare tutto sulla trasformazione della flotta di autoveicoli a combustione interna in veicoli full electric.

Toyota mantiene aperte diverse scelte tecnologiche ed ha una varietà di modelli sia ibridi benzina-elettrici, che ibridi plug-in.

Per il momento i modelli hybrid sono nettamente più efficienti perché hanno un compromesso ottimale.

Con pochissimo consumo di consumo di carburante fossile e alta capacità di percorrenza di strada in modalità elettrica.

Parallelamente, soprattutto nel mercato cinese, Toyota sta introducendo parallelamente parecchi nuovi modelli elettrici a batteria e sta investendo tra l’altro sulle Fuel Cell a idrogeno, che sono dispositivi in grado di trasformare l’idrogeno puro in elettricità e vapore acqueo.

L’obiettivo del management di Toyota è quello di mantenere la flessibilità tra una varietà di tecnologie di propulsione, ritenendo che la soluzione tecnologica per il passaggio al trasporto a emissioni zero non sia stata ancora raggiunta.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

La Cina potrebbe non diventare mai la più grande economia del mondo

- Pubblicità -

Soddisfa le tue aspirazioni finanziarie

Il Consulente Finanziario Indipendente che ti aiuta ad ottimizzare la tua vita finanziaria

Flavio Ferrara - Consulente Finanziario Indipendente
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Seguici su

- Pubblicità -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -