- Pubblicità -

Inflazione USA in preoccupante rialzo

- Pubblicità -

Il dato sull’inflazione negli USA rilasciato ieri è preoccupante, sia per l’entità del dato mensile di0,6%, sia perché dall’analisi dei vari componenti dell’IPC emergono dati preoccupanti, che confermano il warning che avevamo già lanciato nel nostro precedente articolo del 4 settembre https://www.word2invest.com/2023/09/allarme-inflazione-ritornano-a-salire-i-prezzi-alla-produzione/.

Innanzitutto scomponiamo il forte rialzo mensile del CPI in componenti Non Core e Core e analizziamo ulteriormente due sottocomponenti chiave dell’IPC non-core e tre sottocomponenti chiave dell’IPC core.

La colonna più a destra (contributo cumulativo all’accelerazione) rivela esattamente cosa ha guidato l’accelerazione/decelerazione su base mensile dell’IPC durante il mese corrente rispetto al mese precedente.

Gli indicatori che guarda la FED stanno tornando a salire

I servizi principali, esclusi l’edilizia abitativa e l’energia, sono stati i principali contributori all’accelerazione del CPI di tutte le voci.

I servizi primari, escluso l’edilizia abitativa, l’indicatore a cui la Fed presta attualmente maggiore attenzione, hanno registrato un’accelerazione molto significativa dopo diversi mesi di decelerazione.

Variazione percentuale su base mensile dell'IPC core

Grafico qui sopra evidenzia i principali contributi positivi e negativi alla variazione percentuale su base mensile dell’IPC core.

Ancora una volta, l’affitto è stato il contributo positivo più importante alla variazione mensile dell’IPC, mentre le auto e i camion usati, una voce altamente volatile, hanno contribuito negativamente alla variazione mensile dell’indice dei prezzi al consumo.

La core inflation ha smesso di scendere

Dai dati più recenti comincia ad emergere che la tendenza deflazionistica nel mercato delle auto usate potrebbe almeno fermarsi nei prossimi mesi, il che eliminerebbe questo particolare freno sull’indice dei prezzi al consumo core.

I servizi primari, escluso l’edilizia abitativa, l’indicatore che la Fed sta attualmente osservando più da vicino, hanno registrato un’accelerazione molto significativa e, se si escludono gli effetti di alcune voci altamente volatili come l’alloggio fuori casa, l’assicurazione sanitaria, le auto usate e le operazioni domestiche, l’indice dei prezzi al consumo core è stato significativamente peggiore di quanto sembri a prima vista.

Senza queste voci volatili, l’indice dei prezzi al consumo core sarebbe stato superiore allo 0,4% per il mese anziché allo 0,3% – e ben al di sopra dell’intervallo compreso tra 0,1% e 0,2% che la Fed vorrebbe vedere.

Inoltre, la Fed deve preoccuparsi dell’aumento dei prezzi dell’energia. L’ultima volta che si è verificato un forte aumento dei prezzi del petrolio, ha innescato una grande ondata di inflazione in tutta l’economia.

L’andamento dei tassi a lungo termine e la politica della FED

Grafico settimanale Treasury Bond 20+

Nel complesso, la Fed dovrà rimanere molto cauta, mantenendo la pressione sui tassi di interesse e sulla liquidità nell’economia, altrimenti se il mercato cominciasse a pensare che la FED ha smesso di contrastare l’inflazione, i tassi a lungo termine schizzerebbero al rialzo e il grafico dell’ETF TLT che rappresenta i Treasury Bond 20+ romperebbe il supporto evidenziato dal grafico qui sopra.

Le implicazioni saranno negative poiché la Fed sarà costretta a mantenere una politica monetaria restrittiva e una retorica aggressiva nonostante il fatto che l’economia sembri pronta per una decelerazione significativa e potenzialmente pericolosa.

Citiamo nuovamente il nostro precedente articolo del 4 settembre https://www.word2invest.com/2023/09/allarme-inflazione-ritornano-a-salire-i-prezzi-alla-produzione/

 e ripetiamo che c’è il rischio concreto di trovarsi a un punto di flessione in cui il processo disinflazionistico si sia quanto meno “fermato” e vi sia il rischio di una nuova accelerazione dell’inflazione.

Se ci fosse veramente una ripresa dell’inflazione, soprattutto nel contesto di un’economia in rallentamento, le implicazioni per i mercati azionari sarebbero molto negative.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Settore automobilistico: nei prossimi 10 anni quale sarà la soluzione tecnologica vincente: Full Electric, Fuel Cells oppure Hybrid?

- Pubblicità -

Soddisfa le tue aspirazioni finanziarie

Il Consulente Finanziario Indipendente che ti aiuta ad ottimizzare la tua vita finanziaria

Flavio Ferrara - Consulente Finanziario Indipendente
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Seguici su

- Pubblicità -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -