- Pubblicità -

Azioni Lockheed Martin: incremento di spesa nel settore militare

- Pubblicità -

Le azioni Lockheed Martin sono la Blue Chip per eccellenza del settore Difesa e Aerospazio.

È considerata una delle più grandi aziende nel settore aerospaziale ed opera in quattro segmenti di attività: aeronautica, missili e controllo antincendio (MFC), sistemi rotativi e di missione (RMS) e spazio.

Lockheed Martin (NYSE:LMT) produce l’F-35 Lightning II, il più avanzato velivolo da combattimento. Ha, inoltre, divisioni commerciali operanti nei settori dei sistemi sanitari, sistemi di energia rinnovabile, distribuzione intelligente di energia e fusione nucleare compatta.

È di questi giorni il summit di Ramstein della Nato, a cui hanno partecipato anche Svezia e Finlandia, sebbene formalmente ancora non ne facciano parte.

L’incremento di spesa nel settore militare è uno dei temi caldi in questo momento.

Le azioni Lockheed Martin saranno tra i maggiori beneficiari di questo aumento della spesa per la difesa da parte degli USA e dei Paesi membri della NATO, per ricostituire le scorte di armamenti che sono stati destinati all’Ucraina, anche se gli accordi e le commesse internazionali richiedono tempo prima di avere un impatto sui ricavi e sugli utili.

All’inizio del 2022 la Germania di 35 nuovi aerei da combattimento F-35 Lightning II, denominati anche  F-35 Joint Strike Fighter, allineandosi ad altri Paesi europei che hanno comprato lo stesso jet come il Regno Unito, la Norvegia, la Danimarca, la Svizzera e la Finlandia.

Elicotteri e missili Javelin saranno tra gli atri prodotti che beneficeranno di nuovi ordini da parte dei Governi.

Cosa dicono gli indicatori fondamentali di bilancio

Fonte: Lockheed Martin Investor Relations
Fonte: Lockheed Martin Investor Relations

Lockheed Martin Corporation ha riportato nel terzo trimestre 2022 un fatturato netto di 16,6 miliardi di dollari, rispetto ai 16,0 miliardi di dollari del terzo trimestre del 2021.

L’utile netto nel terzo trimestre del 2022 è stato di 1,8 miliardi di dollari, o 6,71 dollari per azione, rispetto ai 614 milioni di dollari, o $ 2,21 per azione, nel terzo trimestre del 2021.

La liquidità derivante dalle operazioni è stata di $ 3,1 miliardi nel terzo trimestre del 2022, rispetto a $ 1,9 miliardi nel terzo trimestre del 2021.

Il free cash flow è stato di $ 2,7 miliardi nel terzo trimestre del 2022, rispetto a $ 1,6 miliardi nel terzo trimestre del 2021.

Fonte: Lockheed Martin Investor Relations
Fonte: Lockheed Martin Investor Relations

La guidance del management per tutto il 2022 rimane pressoché invariata a livello complessivo, anche se ci sono piccole variazioni nei singoli settori.

Può essere interessante comprare azioni Lockheed Martin in questo momento?

Ai prezzi correnti le azioni Lockheed Martin quotano ad un P/E di 16,5 volte i risultati attesi per il 2023 e di 15,7 volte quelli attesi per il 2024.

Il target price medio degli analisti è a $ 497, con un margine di apprezzamento del 12% rispetto al prezzo di mercato.

I nuovi ordini da parte di Stati Uniti e degli altri Paesi della NATO hanno necessariamente tempi lunghi e l’impatto sui dati 2023 e 2024 non sarà ancora significativo, ma le azioni Lockheed martin sicuramente sono molto interessanti in un ottica di medio lungo termine in funzione di un sempre maggiore incremento della spesa per il settore della difesa, come non avveniva dagli anni della guerra fredda.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

L’Artificial Intelligence favorirà l’andamento delle azioni Microsoft?

- Pubblicità -
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Articoli correlati

- Affiliazione -
- Pubblicità -
- Affiliazione -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -