- Pubblicità -

Valore nelle azioni Credit Agricole: crescita regolare e diversificazione

- Pubblicità -

Il Credit Agricole è un gruppo bancario che ha avuto una crescita piuttosto regolare negli ultimi anni e questo si è riflesso nel valore delle azioni Credit Agricole.

Il Crédit Agricole (EPA:ACA) ha una posizione di primato in Francia, dove è presente con 39 Casse Regionali di Crédit Agricole (prima rete bancaria francese) ed è uno tra i più grandi gruppi bancari europei con 781,2 Mld EUR di depositi e 459,9 Mld EUR di crediti erogati.

Fonte: Credit Agricole Investor Relations
Fonte: Credit Agricole Investor Relations

A livello di ricavi la struttura del gruppo è così ripartita:

– banca retail 30,1%, con posizione dominante in Francia e molto importante in Italia
– gestione di attivi, assicurazione e private banking 28,2%, dove primeggia con Amundi
– banca di finanziamento, d’investimento e di mercato 27,9%
– servizi finanziari specializzati 11,9% – credito al consumo, leasing e factoring

A livello geografica le aree che pesano di più sono la Francia (52,9%), Italia (16,4%), Europa (19,5%), e Nord America (5%).

In Italia il gruppo Credit Agricole è cresciuto soprattutto con una serie di acquisizioni mirate, che gli hanno consentito di diventare un player di rilievo.

Cosa dicono gli indicatori fondamentali di bilancio?

Fonte: Credit Agricole Investor Relations
Fonte: Credit Agricole Investor Relations

Nel complesso del primo semestre 2022, la quota di Gruppo dell’utile netto dichiarato è stata di 4.100 milioni di euro, rispetto a 4.524 milioni di euro del primo semestre 2021, in calo del -9,4%.

Escludendo voci specifiche, utile netto sottostante, la quota del Gruppo è stata di 3.931 euro milioni, stabile a -0,9% rispetto al primo semestre 2021.

Il reddito netto bancario sottostante è aumentato del +4,7%. Le spese operative sottostanti, esclusi gli SRF, sono aumentate del 6,5% rispetto alla prima metà del 2021. al 60,9%.

Il margine operativo lordo sottostante ha così raggiunto i 6.719 milioni di euro, stabile a +0,1% rispetto al primo semestre 2021.

Numeri complessivamente buoni, non eclatanti, ma abbastanza congrui con il valore delle azioni Credit Agricole.

Il contesto macroeconomico sarà sicuramente più difficile nel 2023 per la recessione in arrivo, ma il gruppo Credit Agricole dispone di ottimi ratio di bilancio dal punto di vista del rischio e della solidità finanziaria.

Può essere interessante comprare azioni Credit Agricole in questo momento?

Ai prezzi correnti di mercato le azioni Credit Agricolequotano con un P/E di 6,7 sugli utili previsti per il 2023, valore che scende a 5,7 sugli utili del 2024.

Il dividend yield è visto in crescita dall’attuale 75% al 8,6% del 2024. Il target price medio degli analisti è a 11,55 euro, con un margine di apprezzamento teorico del 18%.

I numeri sono abbastanza interessanti, anche se c’è il rischio che la remunerazione da dividendo possa essere in qualche ridotta dopo il monito della BCE, secondo la quale le banche pagano dividendi troppi alti in una fase di imminente recessione.

Malgrado in numeri siano piuttosto buoni, non vediamo comunque particolare valore nel comprare azioni Credit Agricole in questo momento, perché sulle banche va valutato più lo scenario macroeconomico dei dati puntuali di bilancio.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

È tornato il momento di comprare azioni Adidas?

- Pubblicità -

Soddisfa le tue aspirazioni finanziarie

Il Consulente Finanziario Indipendente che ti aiuta ad ottimizzare la tua vita finanziaria

Flavio Ferrara - Consulente Finanziario Indipendente
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Seguici su

- Pubblicità -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -