- Pubblicità -

Quali motivi spingono al ribasso le azioni Walt Disney?

- Pubblicità -

Le azioni Walt Disney sono scese in maniera piuttosto consistente negli ultimi 12 mesi, cerchiamo di capirne le ragioni.

La Walt Disney (NYSE:DIS) ha una serie di brands dominanti, tra cui si citano ESPN, ABC, Fox, Pixar, Lucasfilm, FX, Marvel, e gestisce parchi a tema e crociere, ed è spesso considerato un titolo blue-chip stabile per gli investitori a lungo termine.

È una delle più grandi società di media del mondo e il suo vasto portafoglio di proprietà, che include Pixar, Marvel e Star Wars, e gestisce anche i più grandi parchi a tema del mondo insieme ai suoi resort e alle navi da crociera.

Le attività principali della Disney rientrano in quella che viene denominata spesa discrezionale dei consumatori, che generalmente subisce rallentamenti in conseguenza dell’aumento dell’inflazione e nelle fasi di recessione.

Una recessione sembra sempre più probabile nei prossimi mesi, causata dal doppio knockout dell’aumento dei tassi di interesse e alto tasso di inflazione, e questo scenario potrebbe porre fine rapidamente alla ripresa post-pandemia della Disney.

Cosa dicono gli indicatori fondamentali di bilancio?

Fonte: Walt Disney Investor Relations
Fonte: Walt Disney Investor Relations

Malgrado il forte progresso rispetto al 2021, i profitti della Disney non sono tornati ai livelli pre-pandemia e le azioni Disney sono sui minimi degli ultimi 12 mesi.

Nel complesso, nonostante i risultati sostanzialmente migliorati, gli utili rettificati del terzo trimestre della Disney sono stati solo di $ 1,09 per azione. Certo, è in aumento rispetto a $ 0,80 per azione nel 2021, ma è ben al di sotto degli $ 1,35 guadagnati nel terzo trimestre del 2019.

Forse il forte calo dei prezzi ha senso, dato questo contesto e l’incertezza sulle tendenze del consumo dei media.

Uno dei fattori ha influito è che le persone hanno cambiato il modo in cui consumano i media: la televisione via cavo e il cinema, che sono parti fondamentali dell’attività della Disney, sono entrambi sotto pressione.

Anche se la Tv via etere e la TV via cavo sono ancora dominanti, rappresentando il 64% di tutto il tempo trascorso in TV, i consumatori si stanno spostando verso i servizi di streaming.

Difatti, anche Disney si sta spostando massicciamente nel settore dello streaming, che però è un’attività competitiva e ad alta intensità di costi, tanto che quest’ultimo segmento della Disney ha perso oltre 1 miliardo di dollari nel solo terzo trimestre del 2022.

Andando ad analizzare il settore dello streaming nel suo complesso vediamo che è uno dei settori più competitivi e affollati e i consumatori sono sopraffatti da oltre 200 servizi di streaming, tra cui i leader di mercato sono Disney+, Netflix, Prime Video (Amazon), Hulu e HBO.

Tra questi va avanti una lotta senza esclusione di colpi per accaparrarsi gli utenti e la raccolta pubblicitaria e per prevalere sugli avversari occorrono forti investimenti in conto capitale.

Le azioni Disney possono essere interessanti a questi prezzi?

Ai prezzi correnti, le azioni Walt Disney quotano ad un P/E di 22 volte sugli utili previsti per il 2023, parametro che scende a 18 volte sugli utili del 2024.

L’obiettivo di prezzo medio degli analisti è di $ 140 (è stato più volte rivisto al ribasso, era 200 negli ultimi del 2021), con un potenziale di apprezzamento teorico del 40%.

La sopravvalutazione rispetto alla media storica è rientrata, ma siamo sempre a premio rispetto al P/E medio dell’indice Sp500.

Per giustificare questo premio è fondamentale che la crescita riparta in tutti i settori di attività e che lo streaming cominci lentamente ad avvicinarsi al breakeven.

Per il momento non riteniamo particolarmente interessante acquistare azioni Disney.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

È arrivato il momento di comprare azioni Airbnb?

- Pubblicità -
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Articoli correlati

- Affiliazione -
- Pubblicità -
- Affiliazione -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -