- Pubblicità -

Le azioni Pepsico hanno ancora spazio di rialzo?

- Pubblicità -

Le azioni Pepsico hanno rappresentato un porto sicuro durante il recente bear market. La forza e la stabilità del business di Pepsico dipendono dal fatto che è una azienda diversificata nei ricavi tra Food e Beverage e geograficamente tra U.S.A. e resto del mondo.

Negli USA continuano ad essere molto importanti le vendite di Pepsi-Cola a livello di utili e ricavi, mentre nel resto del mondo il 65% del fatturato netto è fatto dagli snack, contro 35% delle bevande.

Nell’ultimo bilancio 2021 il fatturato del settore Food ha superato quello del settore beverage-soft drinks.

Fonte: Pepsico Investor Relations
Fonte: Pepsico Investor Relations

Il focus di Pepsico (Nasdaq:PEP) nel settore beverage nell’ultimo periodo è nel settore di energy drinks, dove alcuni anni fa ha acquisito Rockstar che tuttavia ha una quota minoritaria nel mercato statunitense dove dominano Red Bull e Monster (posseduto al 19% da Coca-Cola).

Al di fuori degli USA il comparto delle bevande energetiche è stimato che possa arrivare a produrre vendite per $86 miliardi entro il 2026 e Pepsico-Rockstar sta crescendo più rapidamente di Red Bull e Monster.

Cosa dicono gli indicatori di bilancio

Fonte: Pepsico Investor Relations
Fonte: Pepsico Investor Relations

I ricavi di Pepsico nel II trimestre 2022 sono stati solidi: le vendite organiche sono aumentate del 13%, solo un piccolo rallentamento rispetto alla crescita del 14% del I trimestre 2022.

Va ricordato che i ricavi di Pepsico crescevano a un ritmo annuo di circa il 5% prima della pandemia. Quindi è stato praticamente triplicato il precedente tasso di crescita in questo trimestre, anche se si tratta solo degli ultimi 12 mesi e non si può proiettare questa crescita come tasso costante per il futuro.

Pepsico ha alzato le guidance dopo i risultati del secondo trimestre a luglio e ora prevede di ottenere una crescita organica dei ricavi del 10% (rispetto alla precedente previsione dell’8 percento) per l’anno fiscale 2022.

Pepsico continua ad aspettarsi un aumento dell’8 percento dell’EPS a valuta costante core.

Interessante far notare che Pepsico mantiene una politica generosa per gli azionisti con distribuzione di circa 7,7 miliardi di dollari, di cui dividendi per 6,2 miliardi di dollari e riacquisti di azioni per 1,5 miliardi di dollari.

Può essere ancora interessante comprare azioni Pepsico?

La grande qualità dei marchi di Pepsico ha consentito finora in grado di compensare le pressioni inflazionistiche, grazie alla capacità di traslare i maggiori costi sui prezzi alla vendita.

Il P/E Forward è 22,7 e il P.E.G. superiore a 2, multipli che incorporano un premio per la stabilità della crescita dell’EPS a lungo termine di oltre l’8%.

Le azioni Pepsico hanno tenuto molto bene durante tutta la fase ribassista di quest’anno, ma oggettivamente lo spazio al rialzo appare piuttosto limitato, considerato anche che il target medio degli analisti è a $181, prospettando un incremento dell’11,3% dato il prezzo attuale di $162,59.

Per un investitore con ottica di medio lungo termine, le azioni Pepsico sono un HOLD, ma non risultato particolarmente interessanti per un acquisto in questo momento.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Siamo vicini al crollo delle azioni Tesla?

- Pubblicità -

Soddisfa le tue aspirazioni finanziarie

Il Consulente Finanziario Indipendente che ti aiuta ad ottimizzare la tua vita finanziaria

Flavio Ferrara - Consulente Finanziario Indipendente
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Seguici su

- Pubblicità -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -