- Pubblicità -

Azioni Mastercard: può cambiare la politica dei dividendi?

- Pubblicità -

Le azioni Mastercard dal momento della sua quotazione sono state sempre una storia di successo, ma non hanno mai brillato per la generosità dei suoi dividendi.

Mastercard (NYSE:MA) si divide il mercato globale delle transazioni digitali, insieme con Visa e American Express.

A livello globale, ci sono ancora circa 18 trilioni di dollari di spesa dei consumatori in contanti. Ciò significa che c’è molta crescita disponibile nelle transazioni digitali.

Dall’inizio del 2020, la diffusione del COVID-19 ha modificato il comportamento dei consumatori, ma dopo un rallentamento iniziale, la spesa è tornata a crescere. Il management, nella conference call sugli utili del secondo trimestre 202,2 ha dichiarato che i volumi delle transazioni transfrontaliere erano il 118% del livello in cui si trovavano nel 2019 prima della pandemia.

Questo è un fattore molto importante nel bilancio di Mastercard, considerando che le spese relative ai viaggi sono “easy money” per Mastercard.

Un ulteriore rimbalzo nei viaggi globali (sia vacanze che viaggi d’affari) piò dare un ulteriore boost ai risultati di Mastercard del terzo trimestre 2022.

Cosa dicono gli indicatori fondamentali di bilancio?

Fonte: Mastercard Investor Relations
Fonte: Mastercard Investor Relations

Nel secondo trimestre, 2022 i ricavi netti rettificati sono aumentati del 21%, o del 27% su base neutrale rispetto alla valuta. I fattori principali dell’aumento sono stati i seguenti:

  • Crescita del volume lordo in dollari del 14%, su base valuta locale, a $ 2,1 trilioni.
  • Crescita del volume transfrontaliero del 58% su base valuta locale.
  • Crescita delle transazioni scambiate del 12%
  • Altri ricavi sono aumentati del 18%, o del 23% su base neutrale rispetto alla valuta, che include 3 punti percentuali di crescita grazie alle acquisizioni.

La crescita restante è stata trainata principalmente dalle soluzioni Cyber ​​& Intelligence e Data & Services dell’azienda.

Le spese operative rettificate sono aumentate del 9%, o del 12% su base neutrale rispetto alla valuta. Un aumento di 5 punti percentuali è stato dovuto alle acquisizioni.

L’aumento residuo è dovuto principalmente ai maggiori costi del personale e alle condizioni sfavorevoli del tasso di cambio rispetto al Dollaro USA.

Il nuovo Ceo Michael Miebach sta lavorando su un miglioramento dei margini operativi per avvicinarsi ai livelli di Visa.

Una volta raggiunti risultati significativi, potrà mettere mano ad una nuova politica dei dividendi per le azioni Mastercard.

Conviene comprare azioni Mastercard in questo momento?

Ai prezzi correnti le azioni Mastercard quotano ad un P/E di 24,3 sui risultati attesi per il 2023 e di 20 su quelli del 2024.

A livello valutazioni il target price medio degli analisti è di $ 400, con un margine di apprezzamento teorico del 31%.

Al momento la valutazione di Mastercard è relativamente più cara di quella di Visa, anche se in termini di PEG si trovano entrambe su multipli attorno a 1, quindi più che accettabili.

Il contesto dei tassi di interesse è completamente cambiato rispetto agli scorsi e di conseguenza deve mutare anche la politica dei dividendi per le azioni Mastercard.

Complessivamente, tenuto conto della qualità del business, riteniamo conveniente comprare azioni Mastercard, malgrado la valutazione non sia a buon mercato.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Azioni Intel: previsioni a medio termine

- Pubblicità -
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Articoli correlati

- Affiliazione -
- Pubblicità -
- Affiliazione -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -