- Pubblicità -

Sono ancora valide le iniziali previsioni delle azioni Oracle?

- Pubblicità -

Per fare previsioni sulle azioni Oracle, è fondamentale capire il suo business model. Oracle è l’azienda che ha creato Java, il linguaggio di programmazione e piattaforma di sviluppo numero uno al mondo.

Oracle (NYSE:ORCL) è da considerarsi una money machine: con oltre 51 miliardi di Java Virtual Machine in tutto il mondo, gestite da milioni di sviluppatori di software, gli abbonamenti al software Java e il servizio di gestione Java generano ricavi sicuri e ricorrenti per Oracle.

La società di Larry Ellison ha un portafoglio di servizi molto ramificato e si comporta più come un conglomerato di software che come una singola azienda. Inoltre, ha anche un’importante divisione di servizi cloud, a cui si affidano oltre 30.000 aziende in tutto il mondo, come FedEx, Zoom, AT&T, Subaru e Ricoh.

L’attività cloud è la più redditizia e Oracle punta ad essere il più grande fornitore di sistemi ERP cloud. Anche se Oracle non è uno dei più grandi player nel settore cloud, il suo modello di business risulta molto più difensivo dei suoi concorrenti.

Con la recente acquisizione della società di infrastrutture sanitarie Cerner, Oracle avrà un’incredibile opportunità di espandere la propria attività in un settore tradizionalmente difensivo.

L’attività combinata consentirà a Oracle di vendere in modo incrociato il suo software ERP e i servizi di infrastruttura cloud ai 27.000 clienti di Cerner.

Cosa dicono gli indicatori fondamentali di bilancio?

Fonte: Oracle Investor Relations
Fonte: Oracle Investor Relations

Gli eccellenti risultati del FY 2022 possono avere un effetto di trascinamento positivo sulle previsioni delle azioni Oracle.

L’utile operativo del IV trim. 2022 (l’anno fiscale di chiude al 31/05) è stato di $ 4,5 miliardi, in calo dell’1% in USD e in aumento del 6% in valuta costante.

L’utile operativo è stato di 5,6 miliardi di dollari, in crescita del 3% in USD e dell’8% in valuta costante.

I ricavi totali dell’anno fiscale 2022 sono aumentati del 5% in USD e del 7% in valuta costante a $ 42,4 miliardi.

I ricavi dei servizi cloud e del supporto delle licenze sono aumentati del 5% in USD e del 6% in valuta costante a $ 30,2 miliardi.

I ricavi delle licenze cloud e delle licenze on-premise sono aumentati del 9% in USD e del 12% in valuta costante a 5,9 miliardi di dollari.

L’utile operativo è stato di $ 19,6 miliardi e il margine operativo è stato del 46%, mentre l’utile netto è stato di $ 13,7 miliardi e l’utile per azione è stato di $ 4,90.

Può essere interessante conveniente azioni Oracle in questo momento?

Negli ultimi dodici mesi, il margine operativo di Oracle si è attestato al 46%, che dimostra l’eccezionale capacità del management.

A differenza di molte aziende che operano nel cloud, la maggior parte dei guadagni di Oracle deriva da software ricorrenti e ricavi dell’infrastruttura cloud.

Altri attori cloud hanno segmenti non cloud che potrebbero essere influenzati negativamente da un rallentamento dell’economia globale.

Le entrate del servizio di cloud hosting a contratto sono aumentate del 36% per l’anno.

Veniamo alle previsioni: ai prezzi correnti le azioni Oracle quotano ad un P/E sui risultati attesi per il 2023 di per quelli del 2024.

Il target price medio degli analisti è di $ 87, con un margine di apprezzamento teorico di 17%. Ogni ulteriore debolezza è un’occasione per comprare azioni Oracle in un ottica di medio termine.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Le azioni Campbell Soup continueranno a salire?

- Pubblicità -
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Articoli correlati

- Affiliazione -
- Pubblicità -
- Affiliazione -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -