- Pubblicità -

6 titoli sottovalutati con un basso beta

- Pubblicità -

Perché consigliare 6 titoli sottovalutati con un basso beta? Gli investitori sono passati alla modalità difensiva poiché l’incertezza economica continua a sconvolgere i mercati finanziari.

Per alcuni, la tradizionale inclinazione ad affollare i settori difensivi deve ancora dare i suoi frutti. Con l’eccezione dei servizi di pubblica utilità e dell’energia, tutti i settori sono in calo di quasi il 10% o più durante l’anno poiché la volatilità sembra destinata a continuare.

Fortunatamente, c’è un altro modo per cercare di emergere oltre alla semplice selezione di titoli in un determinato settore: lo screening per titoli a basso beta che sono anche sottovalutati.

Che cos’è la beta?

Prima di parlare dei 6 titoli sottovalutati con bassa beta occorre prima di tutto spiegare cosa sia la beta.

La Beta è una misura della volatilità di un titolo rispetto al mercato. Titoli che tendono a rimanere fermi mentre vi sono forti oscillazioni del mercato in generale hanno un beta basso, mentre quelli che si muovono in modo più drastico rispetto al mercato hanno un beta alto.

Accoppiare un titolo con un beta basso con un titolo considerato sottovalutato fornisce un altro modo per individuare un potenziale investimento. Il punteggio di beta basso suggerisce che il titolo sarà meno volatile del mercato e l’aspetto sottovalutato significa che ci sia spazio per una sua crescita di valore a lungo termine.

Per evidenziare i titoli che soddisfano tali criteri, si è preso come punto di riferimento i titoli con un punteggio beta triennale di 0,8 o inferiore. Per tenere conto della volatilità a breve termine, si è tenuto conto punteggi beta a un anno di 0,8 o inferiori.

6 titoli sottovalutati con un basso beta

Si premette che la metà di queste sono aziende sanitarie, settore considerato difensivo. Ci sono anche opportunità nei settori dei servizi finanziari e delle comunicazioni.

Grifols

Industria: Produttori di farmaci – Generale

Sottovalutato del 57%

Oggi, Grifols detiene oltre il 20% di un mercato (fatturato 14 miliardi di euro) delle immunoglobuline, un mercato in crescita ad un tasso a due cifre grazie alla domanda relativa a diversi tipi di disturbi immunitari.

Sebbene le immunoglobuline rappresentino oltre il 40% della linea superiore di Grifols, prodotto polmonare Prolastin guida il mercato per il deficit di alfa-1 antitripsina e Grifols ha visto una solida crescita di albumina, grazie alla domanda cinese.

Con diversi prodotti sotto lo stesso tetto, Grifols è in grado di migliorare i margini, poiché un numero maggiore di proteine ​​​​nel plasma viene trasformato nei prodotti commercializzati.

HSBC

Settore: servizi finanziari

Sottovalutato del 46%

I punti di forza di HSBC sono le sue posizioni nei sistemi bancari del Regno Unito e di Hong Kong.

Considerato che la Cina, Hong Kong e Singapore sono importanti bacini di ricchezza e corridoi commerciali in crescita, il perno della banca verso l’Asia, che rappresenta circa il 75% dell’utile al lordo delle imposte, rende questo settore geografico molto strategico.

L’obiettivo è approfondire le relazioni con i clienti nelle aree geografiche esistenti e sfruttare la rete internazionale della banca per attirare nuovi clienti.

Secondo HSBC, la sua rete bancaria copre il 90% del commercio globale e genera circa il 40% dei ricavi della banca.

L’ampia natura geografica del suo modello di business si traduce in una ridotta volatilità dell’utile ante imposte rispetto ai concorrenti, come evidente durante la crisi finanziaria globale, ma comporta requisiti di capitale più elevati.

Baxter Internazionale

Industria: strumenti e forniture mediche

Sottovalutato del 35%

Dopo lo spin-off di Baxalta a metà del 2015, il nuovo team dirigenziale di Baxter si è concentrato sull’aumento dell’efficienza e sull’innovazione nei prodotti medicali.

Da allora questa focalizzazione ha portato a un notevole miglioramento della redditività e della generazione di flussi di cassa. Nel medio termine, l’azienda punta per la crescita delle vendite attraverso il lancio di nuovi prodotti.

Le acquisizioni, come la recente combinazione con Hillrom (apparecchiature mediche come letti d’ospedale con capacità di connessione digitale), potrebbe aumentare la redditività nel medio/lungo termine.

Verizon

Settore: servizi di telecomunicazione

Sottovalutato del 33%

Verizon si concentra principalmente sul business wireless, dove l’azienda ha adottato misure per garantire che rimanga ben posizionata nel business wireless tradizionale, costruendo fibra più in profondità nelle principali aree metropolitane, e acquisendo un’enorme quota di Spectrum.

Si ritiene che Verizon produrrà risultati coerenti nel lungo termine, ma la crescita sarà probabilmente modesta. I rivali AT&T e T-Mobile offrono servizi comparabili e vendono a prezzi simili, cosa che farà diminuire il vantaggio della quota di mercato di Verizon nel tempo.

Roche

Industria: Produttori di farmaci

Sottovalutato del 28%

Si ritiene che il portafoglio di farmaci di Roche e la diagnostica leader del settore crea un vantaggio competitivo molto sostenibile nel tempo.

In qualità di leader di mercato sia nella biotecnologia che nella diagnostica, questo colosso sanitario svizzero è in una posizione unica per guidare l’assistenza sanitaria globale verso un ambiente più sicuro, più personalizzato e più sforzo redditizio.

Berkshire Hathaway

Settore: finanza

Sottovalutato del 25%

Si continua a credere che la Berkshire, grazie alla sua diversificazione e al suo profilo di rischio complessivo basso, offra uno dei migliori profili di rendimento per il rischio nel settore dei servizi finanziari (e rimane un candidato generalmente solido per la protezione dai ribassi durante le vendite di mercato).

Si rimane sempre dalla capacità del Berkshire nella maggior parte degli anni di generare una crescita da una a due cifre del valore contabile per azione, ampiamente al di sopra della maggior parte dei competitor.

Si ritiene, inoltre, che ci vorrà del tempo prima che l’azienda alla fine soccomberà di fronte agli ostacoli creati dalle dimensioni e dalla portata delle sue operazioni e che l’abbandono definitivo di Warren Buffett e Charles Munger avrà un impatto minore sui risultati operativi futuri di quanto molti investitori credano.

Si considera che il modello di business decentralizzato della Berkshire sia un’ampia diversificazione del business, elevate capacità di generazione di cassa e una forza di bilancio senza pari come veri fattori di differenziazione per l’azienda.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Le azioni Costco sono tornate ad una valutazione conveniente?

- Pubblicità -
Flavio Ferrara
Flavio Ferrara
Educatore Finanziario AIEF 2021 (n°iscrizione 772). Da sempre interessato alla finanza, ha dedicato gli studi nell'analisi tecno-grafica e nell'analisi fondamentale dei Mercati Finanziari. Laureato in Scienze Economiche, ha frequentato diversi corsi di specializzazione tra i quali un Master in Corporate Finance e un corso in Value Investing.

Articoli correlati

- Affiliazione -
- Pubblicità -
- Affiliazione -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -