- Pubblicità -

ETF Acqua: L’uso globale dell’acqua è aumentato di 6 volte negli ultimi 100 anni

- Pubblicità -

Gli Etf sul settore acqua sono considerati normalmente i migliori investimenti difensivi disponibili, insieme al Food & Beverage, perché la crescita dei consumi è lenta e costante.

L’acqua svolge due funzioni essenziali per la vita umana:

  1. il corpo ha bisogno di acqua per sopravvivere
  2. l’acqua è necessaria per mantenere condizioni igieniche ed evitare il diffondersi di malattie infettive.

Secondo l’ultimo rapporto Onu, la carenza di acqua potrebbe arrivare al 40% entro il 2030, a causa del riscaldamento globale e dell’aumento dei consumi dovuto all’incremento della popolazione e all’inurbamento con conseguente cambiamento dei consumi di acqua.

Ad oggi, a livello mondiale, sono circa quattro miliardi le persone che soffrono di grave scarsità fisica di acqua per lunghi periodi dell’anno.

A questo problema si aggiungono i cambiamenti climatici che possono provocare variazioni nella disponibilità di acqua durante intere stagioni dell’anno soggette a siccità.

Prelievi di acqua dolce nel mondo. Fonte: Rapporto FAO, 2016
Prelievi di acqua dolce nel mondo. Fonte: Rapporto FAO, 2016

Con i problemi della siccità comprare un ETF sull’Acqua è doveroso?

La siccità ha rappresentato il 5% dei disastri naturali, colpendo 1,1 miliardi di persone, uccidendone altre 22.000 e causando danni per 100 miliardi di dollari nel ventennio 1995-2015.

Negli ultimi 100 anni l’utilizzo di acqua a livello mondiale è cresciuto di circa 6 volte, fenomeno in continuo a causa dell’aumento della popolazione mondiale e dei cambiamenti dei modelli sia nella produzione industriale, sia nei modelli di consumo.

La maggiore voce dei consumi dipende dalla quantità di acqua utilizzata per l’irrigazione, che arriva quasi al 70% del consumo complessivo di acqua dolce.

Nei Paesi più sviluppati, in Europa, Nord America e Oceania, una famiglia arriva a consumare dai 150 ai 350 litri giornalieri, mentre nelle zone più povere e più aride, il consumo di una famiglia non arriva neanche a 20 litri.

Da un recente rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità risulta che il 41% della popolazione mondiale consuma meno di 50 litri di acqua quotidiani ed è in condizione di sofferenza idrica.

Quindi, può essere conveniente in questo momento investire in un ETF sull’acqua?

In un momento di forte incertezza economia, gli ETF sull’acqua sono investimenti anticiclici, che possono contribuire a difendere il portafoglio dalla forte volatilità dei mercati azionari.

I consumi di acqua e la spesa pubblica e privata per il trattamento delle acque e la gestione di impianti idrici e acquedotti sono in lenta e costante crescita a livello mondiale.

All’interno del settore acqua, water con la terminologia anglosassone, troviamo azioni di aziende di vario tipo, da quelle che si occupano di trattamento delle acque, a quelle che sono impegnate nella gestione degli impianti idrici e della distribuzione delle acque attraverso acquedotti.

Accanto a queste ci sono le azioni delle aziende che commercializzano acqua minerale e che fanno parte del settore Food & Beverage.

I principali brand di acque minerali sono perlopiù divisioni dei grandi conglomerati alimentari come Nestlé, Unilever e Danone.

Alla Borsa Italiana sono quotati diversi ETF sull’acqua e i seguenti risultano essere più interessanti:

La composizione di questi due ETF è abbastanza diversa, per cui si possono considerare complementari. Quindi per avere un’esposizione al settore dell’acqua può essere interessante comprare entrambi gli ETF.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

È saggio comprare un ETF su materie prime?

- Pubblicità -
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Articoli correlati

- Affiliazione -
- Pubblicità -
- Affiliazione -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -