- Pubblicità -

Come il fondo Vanguard è arrivato a dominare l’industria dei fondi

- Pubblicità -

Come è riuscito il fondo Vanguard a diventare uno delle più importanti società di investimenti al mondo e gestire oltre 5.000 miliardi di dollari americani?

Quasi tutti conoscono la storia dell’industria del videonoleggio. Cominciò con le cassette VHS vendute da negozi sporchi e disordinati, ma l’attività è stata consolidata e spazzata via da un nuovo arrivato sfacciato, Blockbuster, che poi è diventato a sua volta obsoleto, grazie all’avvento dello streaming.

Più o meno lo stesso è accaduto con i fondi comuni di investimento, meno la nostalgia. Dopo aver trascorso i primi 60 anni come industria artigianale, i fondi sono diventati famosi negli anni ’80 come proprietà di società di intermediazione riconosciute a livello nazionale.

Ovunque c’erano i televisori, c’erano pubblicità per il toro di Merrill Lynch e il rock di Prudential-Bache. I lanciatori intonarono: “Grazie, PaineWebber”. Anche i bambini conoscevano quelle aziende e tutti vendevano fondi con il loro nome.

Ma all’inizio degli anni 2000 era chiaro, almeno per i lungimiranti, che quegli sponsor di fondi avrebbero condiviso il futuro di Blockbuster.

Credendo che la forza del marketing piuttosto che i risultati degli investimenti avrebbero in definitiva deciso il destino delle loro aziende, avevano trascurato i loro prodotti, cosa che troppo spesso aveva deluso gli azionisti.

Come per il settore del noleggio video, anche Internet stava cambiando le abitudini dei consumatori. Sebbene molti investitori di fondi comuni di investimento abbiano continuato a ricevere consulenza di persona, sono stati sempre più influenzati dalle fonti online.

I tre candidati alla nuova poltrona

I vecchi re erano morti. Chi li dovevano sostituire? C’erano tre candidati validi dove ciascuno vantava solide credenziali di investimento, il che significava che la performance del fondo da sola non avrebbe determinato il risultato.

Il loro relativo successo sarebbe invece deciso dalla strategia aziendale. Una delle tre società eccelleva nella distribuzione, un’altra nella varietà dei prodotti e una terza nel controllo dei costi. L’organizzazione vincitrice sarebbe quella che possiede l’attributo più apprezzato dai futuri azionisti.

1. American Funds: distribuzione

Il fornitore dominante dei consulenti finanziari, American Funds era perfettamente pronto a catturare affari da broker che non desideravano più vendere marchi di proprietà. L’organizzazione portava una gamma di prodotti limitata di fondi relativamente economici, tutti gestiti attivamente.

2. Fidelity: varietà di prodotti

Nel 2002, Fidelity era la più grande società di fondi comuni di investimento del mondo, con una formazione all’altezza. Gestiva 191 fondi distribuiti su 426 classi di azioni. (al contrario, American Funds gestiva solo 26 fondi).
I suoi fondi avevano un prezzo moderato. Sebbene quasi tutti fossero gestiti attivamente, Fidelity avrebbe lanciato fondi indicizzati, se i suoi clienti lo desideravano.

3. Fondo Vanguard: controlli sui costi

Il fondo Vanguard aveva probabilmente il marchio più distintivo del settore, noto per essere sia il fornitore più parsimonioso che il principale indicizzatore. Sebbene offrisse una vasta gamma, inclusi molti fondi gestiti attivamente, le fortune dell’azienda dipendevano dalla popolarità degli investimenti a basso costo, in particolare i fondi indicizzati.

Il trionfo dell’avanguardia

È risaputo da tutti come è finita la storia: gli investitori sono diventati molto più attenti ai costi, spingendo il fondo Vanguard alla vittoria.

Tuttavia, vale la pena vedere il margine del vantaggio dell’azienda. Il grafico seguente illustra la crescita della quota di mercato nazionale della società dal 2002. Prima di Vanguard, nessuna organizzazione aveva mai controllato fino al 15% del settore dei fondi.

solidi, se non del tutto all’altezza dei loro standard precedenti, e le loro quote di mercato non sono cambiate molto.

Grazie sia alla crescita interna che all’acquisizione di Barclays Global Investors, BlackRock occupa ora il secondo posto nel settore. Ma Fidelity è il terzo fornitore più grande e American Funds il quarto, con State Street al quinto posto ma molto dietro ciascuno di loro.

Il fondo Vanguard è andato molto più avanti dei suoi rivali non per le sue performance di investimento (che sono state buone) ma piuttosto perché gli investitori hanno abbracciato le scelte di Vanguard.

Gli azionisti si sono preoccupati così tanto dei costi che hanno spostato i fondi comuni di investimento indicizzati nel mainstream. Hanno anche abbracciato con tutto il cuore i fondi negoziati in borsa.

Sebbene Vanguard non sia stato uno dei primi a adottare gli ETF, una volta entrato in campo è diventato quasi immediatamente un attore importante.

A favorire il fondo Vanguard c’è stato anche il relativo fallimento delle innovazioni nel settore dei fondi.

Come con American Funds, il fondo Vanguard ha storicamente enfatizzato i principali corsi di investimento.

Altre organizzazioni hanno lanciato fondi Internet, fondi a reddito da opzioni o fondi obbligazionari non tradizionali. Vanguard ha preferito vendere versioni più economiche delle strategie di investimento esistenti piuttosto che crearne di nuove.

L’adozione di una tale strategia conservativa aiuta a salvaguardare la reputazione di un’azienda, proteggendo i suoi azionisti dalle mode passeggere, ma corre il rischio di essere reattivi.

Se i gusti di investimento fossero cambiati sostanzialmente, Vanguard avrebbe potuto essere lasciato indietro.

Tuttavia, a parte i loro involucri, i fondi di oggi sono molto simili a quelli di 20 anni fa. Secondo diversi calcoli, solo il 10% delle attività del settore è in fondi “esplora” che investono in modo non convenzionale, come fondi alternativi liquidi, fondi di materie prime o fondi regionali.

In attesa

Il costo ha determinato la società di fondi vincente per i primi 25 anni di questo secolo, ma si sospetta che il fondo Vanguard non lo farà per il prossimo quarto di secolo. La battaglia del rapporto di spesa si è per lo più giocata; al giorno d’oggi, la maggior parte degli acquisti di fondi va verso quelli che hanno poco spazio per ridurre ulteriormente i costi.

Il fattore differenziante potrebbero invece essere i servizi. Come con Fidelity (così come Charles Schwab), il fondo Vanguard ora cerca di essere più di un semplice gestore patrimoniale. Attraverso vari canali, incluso il suo Personal Advisor Services Group , ora dispensa consulenza finanziaria.

Resta da vedere se i consigli saranno davvero il fattore chiave di differenziazione. Tuttavia, l’era dei costi stia finendo, non perché abbia fallito, ma piuttosto perché ha avuto un successo molto spettacolare.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Ci sarà una recessione? I mercati azionari scenderanno ancora?

- Pubblicità -
Flavio Ferrara
Flavio Ferrara
Educatore Finanziario AIEF 2021 (n°iscrizione 772). Da sempre interessato alla finanza, ha dedicato gli studi nell'analisi tecno-grafica e nell'analisi fondamentale dei Mercati Finanziari. Laureato in Scienze Economiche, ha frequentato diversi corsi di specializzazione tra i quali un Master in Corporate Finance e un corso in Value Investing.

Articoli correlati

- Affiliazione -
- Pubblicità -
- Affiliazione -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -