- Pubblicità -

L’importanza della liquidità nel Forex – Parte 2

- Pubblicità -

Liquidità Forex Vs Illiquidità: 3 Segnali A Cui Prestare Attenzione

Dal punto di vista di un trader, un mercato illiquido avrà movimenti o gap perché il livello di volume di acquisto o di vendita in qualsiasi momento può variare notevolmente.

Un mercato altamente liquido è anche noto come mercato profondo o mercato regolare e anche l’azione dei prezzi è regolare. La maggior parte dei trader ha bisogno e dovrebbe richiedere un mercato liquido perché è molto difficile gestire il rischio se sei dalla parte sbagliata di una grande mossa in un mercato illiquido.

Ecco tre segnali a cui prestare attenzione che sono:

1. GAP DURANTE IL TRADING FOREX

I gap nel mercato forex variano rispetto ad altri mercati. Tuttavia, nel forex possono verificarsi divari di prezzo se un annuncio sui tassi di interesse o altre notizie ad alto impatto mostrano un risultato molto diverso dalle aspettative.

I gap possono verificarsi all’apertura della settimana di trading o in prossimità di un dato o accade un evento non preventivato. I grafici sottostanti rappresentano la differenza di liquidità tra il mercato azionario e il mercato forex, come evidenziato dal gapping.

I mercati azionari sono soggetti a gap l' indice FTSE 100
I mercati azionari sono soggetti a gap l’ indice FTSE 100

Un mercato che opera 24 ore al giorno come il mercato forex è considerato più liquido o semplicemente tende ad avere meno gap a causa della natura continua del mercato azionario.

Ciò consente ai trader di entrare e uscire dal mercato a loro discrezione. Un mercato che viene scambiato solo per una frazione della giornata come il mercato azionario statunitense o il mercato dei futures verrebbe condensato in un mercato più sottile perché il prezzo può saltare all’aperto se le notizie durante la notte escono contro le aspettative della folla.

2. L’INDICATORE DI LIQUIDITÀ FOREX

I broker spesso offrono un’opzione “volume” sul grafico in base alla quale un trader può misurare la liquidità del mercato.

Questo indicatore di liquidità forex viene interpretato analizzando le barre sul grafico del volume.

Ogni barra del volume rappresenta il volume scambiato durante il periodo di tempo specifico, fornendo così al trader un’adeguata approssimazione della liquidità. È importante ricordare che la maggior parte dei broker riflette solo i propri dati sulla liquidità e non la liquidità complessiva del mercato forex.

Tuttavia, l’utilizzo della liquidità di un broker come indicatore può rappresentare adeguatamente il mercato al dettaglio a seconda delle dimensioni del broker.

3. ORA DIVERSE DEL GIORNO OFFRONO QUANTITÀ DI LIQUIDITÀ VARIABILI

I trader a breve termine o gli scalper dovrebbero essere consapevoli di come la liquidità nel forex varia durante il giorno di negoziazione.

Ci sono sessioni meno attive come la sessione asiatica che è spesso range bound, il che significa che è più probabile che i livelli di supporto e resistenza mantengano da un punto di vista speculativo.

Le principali sessioni di mercato in movimento come la sessione di Londra e la sessione degli Stati Uniti sono più soggette a breakout e movimenti percentili più ampi nel corso della giornata.

L’ora del giorno in cui è probabile che si vedano le mosse più importanti è la sessione mattutina degli Stati Uniti perché si sovrappone alla sessione europea che da sola rappresenta circa il 50% del volume globale giornaliero totale.

La sola sessione negli Stati Uniti rappresenta circa il 20% e nel pomeriggio negli Stati Uniti, si vede spesso un forte calo delle mosse aggressive tranne quando il Federal Open Market Committee (FOMC) esce con un annuncio inatteso rispetto alle previsioni degli analisti.

Rischio di liquidità vs ricompensa

La relazione tra rischio e rendimento nei mercati finanziari è quasi sempre proporzionata; quindi, è necessario prendere in considerazione la comprensione dei rischi coinvolti in un’operazione.

Un esempio primario di rischio di liquidità nel mercato forex è la crisi del franco svizzero nel 2015. La Banca Centrale Svizzera ha annunciato che non avrebbe più preservato l’ancoraggio del franco svizzero rispetto all’euro causando la rottura del mercato interbancario a causa dell’incapacità di prezzare il mercato.

Ciò ha portato i broker a non essere in grado di offrire liquidità sul CHF (Franco Svizzero). Con il ritorno dei prezzi interbancari (la spina dorsale dei prezzi forex), i prezzi su EUR/CHF furono lontani dall’intervallo precedente e ciò ha portato ad un crisi sui saldi dei conti dei clienti al dettaglio dei broker per coloro che negoziarono sul CHF.

Sebbene questi eventi denominati “Cigni Neri” siano rari, non sono impossibili.

I trader valutari retail devono sempre gestire questi rischi di liquidità abbassando ad esempio la loro leva finanziaria o facendo uso di stop loss in base ai quali il broker è obbligato a onorare il livello del prezzo di stop .

La ponderazione delle opzioni tra rischio di liquidità e rendimento non dovrebbe essere trascurata e dovrebbe essere inclusa come parte della routine di analisi di un trader.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

L’importanza della liquidità nel Forex – Parte 1

- Pubblicità -
Flavio Ferrara
Flavio Ferrara
Educatore Finanziario AIEF 2021 (n°iscrizione 772). Da sempre interessato alla finanza, ha dedicato gli studi nell'analisi tecno-grafica e nell'analisi fondamentale dei Mercati Finanziari. Laureato in Scienze Economiche, ha frequentato diversi corsi di specializzazione tra i quali un Master in Corporate Finance e un corso in Value Investing.

Articoli correlati

- Affiliazione -
- Pubblicità -
- Affiliazione -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -