- Pubblicità -

Quale potrà essere il valore delle azioni Pfizer una volta passato il Covid?

- Pubblicità -

Per capire quale possa essere il valore delle azioni Pfizer una volta passato il Covid, bisogna scorporare i numeri delle rimanenti aree operative.

Nel corso degli ultimi anni Pfizer (NYSE:PFE), anche grazie alle forti vendite dei vaccini contro il Covid, ha completato una trasformazione aziendale che gli ha consentito di rafforzare la propria posizione finanziaria e la capacità di investimento.

I ricavi dell’intero anno 2021 sono stati pari a $ 81,3 miliardi, con un aumento di $ 39,6 miliardi, rispetto all’intero anno 2020, riflettendo una crescita operativa di $ 38,4 miliardi, e l’impatto favorevole dei cambi di $ 1,2 miliardi.

Escludendo i contributi alle entrate di Comirnaty (vaccino Covid) e Paxlovid (antivirale Covid), i ricavi per l’intero anno sono cresciuti operativamente del 6%.

EPS diluito rettificato riportato per l’intero anno 2021 è stato di $ 4,42. La guidance per l’intero anno 2022 fornita dal management prevede ricavi tra $ 98,0 a $ 102,0 miliardi e un EPS diluito rettificato  tra $ 6,35 a $ 6,55 , con  una crescita rispettivamente del 23% e del 46% su base annua.

La guidance per il 2022 per il vaccino Covid Comirnaty è di circa $ 32 miliardi, mentre per l’antivirale contro il Covid Paxlovid  la guidance è di circa $ 22 miliardi.

Probabilmente negli anni successivi il massiccio afflusso di ricavi avuti grazie al successo dei prodotti anti COVID comincerà a recedere.

Anche se non teniamo in considerazione il vaccino COVID e l’antivirale Paxlovid, il 67% delle rimanenti entrate di Pfizer viene prodotto da farmaci che hanno una crescita di oltre il 40% all’anno, contribuendo al 43% dei ricavi totali.

Insomma, la crescita è molto forte sotto tutti i punti di vista, con e senza il vaccino COVID.

Come sta andando la ricerca e l’approvazione di nuovi farmaci di Pfizer?

Pfizer ha oltre 100 compounds in fase di sviluppo.

Di questi, quattro stanno utilizzando la tecnologia mRNA sperimentata per il vaccino COVID-19. Inoltre, 63 sono già in fase clinica 2/3 e otto in fase di registrazione.

Pfizer ha fatto forti investimenti nei trattamenti contro il cancro con 32 programmi oncologici in via di sviluppo e 24 farmaci oncologici approvati.

I 24 farmaci approvati hanno prodotto entrate per $ 6 miliardi nel primo semestre 21, con un aumento del 16% su base annua.

Durante l’estate ha anche effettuato 2 piccole acquisizioni di aziende, Arvinas e Trilium, che porteranno in dote ulteriori trattamenti contro il cancro in via di sviluppo.

Ha senso comprare azioni Pfizer anche se larga parte degli utili arrivano dal vaccino e dal farmaco contro il Covid?

Ai prezzi correnti di mercato le azioni Pfizer quotano ad un P/E di 7,9 sui risultati attesi per il 22 e di 10,9 sui risultati attesi per il 2023.

Il target price medio degli analisti è a $ 59, con un margine di apprezzamento di circa il 22%. Il 2022 e 202 saranno gli anni di picco degli utili e il P/E è poco significativo; quindi, è difficile utilizzare il P/E per dare un giudizio sulle azioni Pfizer.

Il punto focale è l’enorme generazione di cash-flow che Pfizer riceve dai prodotti contro il Covid e che potrà esser e utilizzato per aumentare dividendi, buyback e investire nella ricerca di nuovi farmaci.

Questo fattore rende interessanti le azioni Pfizer a medio lungo termine, malgrado siamo in una fase di picco degli utili.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Azioni Moody’s, gli utili non centrano le previsioni e il titolo perde quasi il 5%

- Pubblicità -
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Articoli correlati

- Affiliazione -
- Pubblicità -
- Affiliazione -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -