- Pubblicità -

Uno scenario di una nuova guerra fredda quali impatti potrebbe avere sull’ETF sul lusso?

- Pubblicità -

Il settore del lusso sta andando a gonfie vele e l’ETF sul lusso è stato uno dei migliori investimenti del 2021.

Il 2021 è stato un anno molto favorevole per il settore del lusso, che è cresciuto fortemente anche grazie alle vendite online: secondo la società di consulenza Bain&Company, nel 2021 le vendite di lusso online sono cresciute del +27% raggiungendo la cifra di 62 miliardi di euro ed è prevista una crescita del +30% del mercato entro il 2025.

La vendita di orologi ha registrato un aumento del +7%, seguita dal +9% dell’abbigliamento e delle calzature.

Ma i settori di maggiore crescita sono stati la gioielleria con il +10% e quello di borse e accessori in pelle con il +11%.

Anche il settore del lusso dovrà affrontare la nuova ondata di inflazione, ma molti Brand hanno la forza commerciale di poter aumentare senza problemi i prezzi per i listini 2022-2023 e riuscire proteggere i margini operativi dall’inflazione.

Nel settore della moda e dell’orologeria di alta gamma, brand come Chanel, Rolex e Patek Philippe hanno già cominciato ad aumentare i loro prezzi.

Fonte: Richemont Investor Relations
Fonte: Richemont Investor Relations

Le previsioni sono che la clientela cinese possa continuare ad essere quella con crescita più alta, con un +13%, mentre l’Europa dovrebbe registrare un +6%.

Non va sottovalutato il mercato degli Stati Uniti, dove c’è una crescita economica molto forte.

Per il colosso LVMH, ad esempio, i risultati migliori sono venuti proprio dagli USA, che hanno rappresentato il 26% delle vendite totali nel 2021.

Allora, il settore del lusso è completamente esente da ogni rischio di crisi?

In realtà un rischio c’è ed è la minaccia che la guerra in Ucraina riporti il mondo ad una nuova ‘Guerra Fredda’ e minacci il processo di globalizzazione.

Negli ultimi 15 anni, anche durante le crisi, quando i mercati tradizionali come l’Europa sono stati appesantiti dalla recessione e le vendite delle aziende di lusso sono diminuite, le economie emergenti hanno continuato a richiedere prodotti di lusso.

Paesi come la Cina, la Russia, alcune località Sud Est asiatico, l’America Latina hanno avuto una domanda sempre in aumento.

Se la Cina dovesse fare blocco con la Russia, il processo di globalizzazione si fermerebbe e ci sarebbe un grave colpo per il mercato del lusso.

A dire il vero questa ipotesi non sembra al momento probabile, ma è uno scenario ‘di coda’.

Può essere interessante in questo momento comprare un ETF sul lusso?

L’unico ETF armonizzato disponibile sul lusso è AMUNDI S&P GLOBAL LUXURY UCITS ETF, ISIN LU1681048630, codice alfanumerico GLUX, molto diversificato in tutti i settori del lusso, dalla moda all’orologeria, dai cosmetici alle vetture di alta gamma.

Malgrado una consistente discesa dei prezzi, le valutazioni dei titoli sottostanti all’ETF sul lusso sono ancora molto elevate e lo espongono ad una forte volatilità nel caso in cui dovesse prevalere uno scenario di rallentamento o recessione causato da inflazione, aumento dei tassi ed eventi geopolitici.

Ancora più pericoloso per il settore del lusso sarebbe lo scenario di una nuova ‘Guerra Fredda’, con la Cina che unisce alla Russia in un blocco alternativo all’Occidente, anche se questo rimane fortunatamente uno scenario di coda.

Nel breve si potrebbe assistere ad un discreto rimbalzo dell’ETF sul lusso, ma più avanti potrebbe emergere uno scenario intermedio di rallentamento economico e questo non rende particolarmente interessante comprare l’ETF sul lusso in questo momento, ragionando in un’ottica di contenere il risk/reward.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Riduzione della dipendenza dal gas russo e ETF Global Clean Energy

- Pubblicità -
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Articoli correlati

- Affiliazione -
- Pubblicità -
- Affiliazione -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -