- Pubblicità -

L’ETF sui Treasury Bond U.S.A.  può ritornare ad essere un “bene rifugio” malgrado i livelli record raggiunti dall’inflazione?

- Pubblicità -

La forte crescita dell’inflazione e il buon livello dell’attività economica hanno penalizzato la parte lunga della curva dei rendimenti, che tradizionalmente viene identificata nei Treasury Bond U.S.A. a 20/30 anni.

Per avere un’idea se questa tendenza possa invertirsi, dobbiamo delineare i possibili scenari macroeconomici per i prossimi 12-18 mesi.

Sul fronte della crescita economica attesa, se il mercato dovesse cominciare a scommettere che la sommatoria dei vari headwinds (inflazione, rialzo dei tassi e riduzione a zero del QE della FED, una guerra Russia-Ucraina che si protrae per settimane/mesi e altre tensioni geopolitiche) possa essere tale da rallentare l’economia U.S.A. a partire già dal secondo semestre 2022, allora si potrebbe profilare all’orizzonte uno scenario favorevole per le obbligazioni/titoli di stato a lunga scadenza.

Se invece dovesse prevalere uno scenario di elevata inflazione associata ad una FED non troppa aggressiva, il mercato azionario e soprattutto i titoli value, più esposti alla crescita economica e a quella dei prezzi, rimarrebbero gli asset favoriti.

Tornerebbero in auge i Bond Inflation linked, dopo il ribasso delle ultime settimane mentre i rendimenti dei Treasury Bond rimarrebbero elevati, con obiettivi di raggiungere il 3% sulla scadenza 10 anni e 3,30%-3,50% sulle scadenze a 30 anni.

Come si vede dal grafico, quando i tassi salgono per i timori di inflazione, conseguentemente le obbligazioni/titoli di stato a lungo termine scendono pesantemente.

Questo fenomeno avviene perché ogni rialzo dei tassi di 1% corrisponde ad una perdita di circa 14 punti sulle obbligazioni/titoli di stato a 20/30 anni.

È un semplice calcolo matematico perché la duration (vale a dire la scadenza media dei flussi di cassa attesi) è pari a 14. 

Può essere interessante in questo momento comprare un ETF sui Treasury Bond U.S.A. con scadenze a lungo termine?

Quali potrebbero essere le condizioni per far ritornare interessante un ETF sui Treasury Bond a lungo termine?

Nel caso dovesse prevale lo scenario macroeconomico di previsione di rallentamento/recessione nei prossimi 12-18 mesi, si potrebbe passare da una fase di appiattimento della curva dei rendimenti come quella attuale, ad un’inversione della curva stessa.

Al momento siamo ancora in una fase di rialzo dei tassi e crescita economica e la curva dei rendimenti si appiattisce, prendendo la denominazione di ‘bear flattening’ per usare la terminologia anglosassone.

Quando invece si assiste ad un’inversione della Yield Curve 2-10, con i rendimenti a 10 anni che sono al di sotto di quelli a 2 anni, significa che prevalgono le aspettative di rallentamento economico/inflazione.

I tassi a breve (2 anni) salgono a causa del tasso di inflazione puntuale (il 7,5% negli ultimi 12 mesi), mentre i Treasury Bond a lungo termine tendono a scontare i dati futuri.

Nel caso dei Bond a lungo termine, i mercati guardano al tasso di inflazione atteso a 5 anni, che è l’emivita di un’obbligazione/titolo di stato a 10 anni.

Proprio venerdì 25/02 sono usciti i nuovi dati sull’inflazione prevista a 5 anni, calcolati dall’Università del Michigan, che adesso stima un valore del 3%, rispetto al 3,1% comunicato il giorno 11/03.

È un piccolo segnale che qualcosa sta cambiando nel quadro macroeconomico? È presto per dirlo, ma la situazione può evolvere rapidamente a favore dei Treasury Bond a 20/30 anni.

Questo perché un dato molto alto dell’inflazione puntuale come abbiamo in questo momento. che apparentemente sembrerebbe negativo soprattutto per le Treasury Bonds a lungo termine, ma in realtà penalizza molto di più le obbligazioni/titoli di stato a cinque anni.

Per i Treasury Bond a lungo termine, 20/30 anni, invece è molto più importante il livello dell’inflazione attesa 5 anni.

Considerando che i grandi portafogli di fondi e Financial Institutions sono parecchio short di durations, acquistare un ETF sui Treasury Bond a lungo termine sarebbe un interessante scommessa contrarian, con un profilo di rischio medio.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

ETF sulla Cybersecurity: un settore con forti investimenti delle aziende e degli organismi statali e militari dei principali paesi del mondo

- Pubblicità -
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Articoli correlati

- Affiliazione -
- Pubblicità -
- Affiliazione -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -