- Pubblicità -

ETF Energia Stati Uniti: ETF US Energy Infrastructure MLP e gli obiettivi sempre più strategici di totale indipendenza energetica degli U.S.A.

- Pubblicità -

In un momento di tensioni geopolitiche come quello attuale, l’indipendenza energetica degli U.S.A. è considerata sempre più strategica, per questo prendiamo in esame un ETF sull’Energia negli Stati Uniti.

L’obiettivo dell’ETF US Energy Infrastructure MLP è quello di è fornire un’esposizione al mercato statunitense Energy Infrastructure MLP, attraverso la replica fisica del Solactive US Energy Infrastructure MLP Index Total Return e per essere completamente esposto alla performance dell’Indice utilizza anche swap OTC total return.

 Titoli compresi nel Solactive US Energy Infrastructure MLP Index Total Return:

Le società denominate MLP hanno un trattamento fiscale favorevole negli USA, e un ruolo fondamentale nell’infrastruttura energetica degli Stati Uniti.

Queste MLP ricavano la maggior parte del fatturato dalle fees legate al trasporto dell’energia.

Queste società possiedono le condutture di trasporto per i prodotti raffinati, i terminali, i gasdotti, gli oleodotti e risorse per la raccolta e la lavorazione.

Il loro business model è relativamente meno influenzato dai cicli economici o dalle variazioni dei prezzi delle materieprime di quanto non lo sia quelle delle società legate all’esplorazione Oil & Gas e alla raffinazione.

Questo fattore rende l’investimento in ETF legati all’energy mlp infrastructure una buona diversificazione rispetto ad investire direttamente in azioni di società legate all’estrazione di Oil & Gas.

Nei prossimi 10-15 anni si stima che saranno realizzati ulteriori conduttore per il trasporto di energia e prodotti raffinati per oltre 30.000 miglia, prevalentemente gasdotti e oleodotti necessari alle nuove esigenze di trasporto dovute  l’aumento della produzione scisti bituminose, ottenuti col fracking.

Sono previsti oltre 250 miliardi di dollari di investimenti per potenziare l’infrastruttura energetica, in considerazione del fatto che ormai da anni gli U.S.A. perseguono l’obiettivo strategico della piena indipendenza energetica.

Le nuove tensioni geopolitiche dovute all’invasione dell’Ucraina e le contraddizioni implicite nel potenziale rinnovo dell’accordo nucleare con Iran sono ulteriori elementi che spingeranno sempre di più gli U.S.A. a fare investimenti finalizzati alla completa indipendenza energetica. 

Può essere interessante in questo momento investire in un ETF sull’energia negli Stati Uniti anche dopo i recenti forti rialzi dei prezzi dell’energia?

Per avere un’esposizione al tema dell’energia negli Stati Uniti tramite un ETF, è sicuramente interessante investire nell’ETF L&G US Energy Infrastructure MLP UCITS (ISINIE00BHZKHS06), che rappresenta un’interessante diversificazione nel settore dell’energia.

L’ETF replica l’indice Solactive US Energy Infrastructure MLP Index Total Return che è legato alle fees di trasporto dei gasdotti e oleodotti, non direttamente al prezzo delle commodities.

Quindi questo ETF è  meno esposto ai rischi di un eventuale correzione dei prezzi del gas nel momento in cui si raggiungesse un accordo per un cessate il fuoco definitivo nella guerra in Ucraina o i Paesi produttori OPEC decidessero di aumentare significativamente la produzione giornaliera di petrolio, determinando un abbassamento dei prezzi, ora sopra i 100 dollari al barile.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

La guerra del gas può spingere al rialzo gli ETF legati alla produzione di idrogeno e alla Hydrogen economy?

- Pubblicità -
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Articoli correlati

- Affiliazione -
- Pubblicità -
- Affiliazione -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -