- Pubblicità -

Quali possono essere le prospettive delle azioni Saipem dopo il profit warning del 31 gennaio 2022?

- Pubblicità -

Dopo l’improvviso profit warning del 31 gennaio scorso sulle stime per il secondo semestre dell’anno, comunicato al mercato dall’AD Francesco Caio, le azioni Saipem sono scese da 2,06 euro al livello di 1,11 euro di venerdì 18 febbraio.

C’è inoltre grande attesa per le operazioni di controllo e audit sulla gestione dei numeri e dei preventivi di commesse di non recentissima acquisizione, che presentano un significativo deterioramento dei margini economici a vita intera.

Si tratta di alcuni progetti relativi all’E&C onshore e all’eolico offshore.

Il 31 gennaio scorso, Saipem (MIL:SPM) ha smentito l’outlook annunciato a ottobre 2021 e ha previsto perdite per il 2021 superiori a un terzo del capitale (che obbligherebbe la società a seguire la procedura prevista dall’art. 2446 del codice civile).

Se così fosse, queste perdite potrebbero innescare un rimborso accelerato di alcuni prestiti e potrebbe essere possibile una ricapitalizzazione da 1-1,5 miliardi di euro e una ristrutturazione del debito tramite nuovi finanziamenti per riscadenzare i debiti preesistenti.

Saipem non è nuova a processi di revisione del valore delle commesse in portafoglio: nel 2013, quando la società è stata coinvolta in un procedimento per corruzione in Algeria, emettendo una serie di warning relativi ai margini sui contratti.

Successivamente, nel 2016 c’è stato un aumento di capitale di 3,5 miliardi di euro.

L’approvazione dell’esercizio 2021 è prevista per il prossimo 23 febbraio, data entro la quale il CDA di Saipem dovrebbe anche convocare un’assemblea straordinaria ex art. 2446 del codice civile per l’approvazione dell’aumento di capitale necessario per ricostituire il capitale sociale in caso di perdite superiori ad un terzo ove fosse confermata la rettifica di outlook dell’ottobre scorso.

L’amministratore delegato di ENI, Claudio Descalzi, ha affermato che ENI e CDP supportano Saipem, ma fino a quando non sarà delineata la nuova riorganizzazione, il nuovo piano industriale e il taglio dei costi non è possibile quantificare l’importo che ENI e CDP saranno chiamati a contribuire.

Il profit warning che ha travolto Saipem ha origine da un importantissimo progetto eolico offshore, la maxicommessa per il parco eolico offshore a est della Scozia, di proprietà di Electricité de France.

EDF ha avuto una serie di problemi, dovuti soprattutto al Covid, che di fatto hanno rallentato la catena delle forniture e provocato un ritardo incolmabile nell’invio delle fondamenta d’appoggio delle 54 turbine, previste nel progetto, il cui valore era stimato in 2,4 miliardi di euro.

Saipem potrebbe dover registrare perdite addirittura superiori al valore della commessa di 550 milioni di euro.

In aggiunta a questo problema, ci sono le forti incertezze sulla sopravvivenza del progetto Mozambico Lng di Total, che nell’aprile 2021 ha bloccato il progetto per ragioni di sicurezza dovute agli attentati jihadisti.

Nell’ultima trimestrale al 30/09/2021 questa commessa figurava ancora nel portafoglio di Saipem per un valore di 3,6 miliardi di euro. 

Può essere interessante comprare azioni Saipem dopo il forte ribasso?

È molto difficile fare una valutazione della convenienza delle azioni Saipem agli attuali prezzi di mercato, soprattutto perché non si conoscono i termini del probabile aumento di capitale, che potrebbe comportare una forte diluzione per i vecchi azionisti. I prezzi attuali potrebbero anche essere convenienti, ma non ci sono elementi sufficienti per fare una valutazione accurata.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Cavalcare la normalizzazione del lavoro in ufficio post-Covid con le azioni Covivio

- Pubblicità -
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Articoli correlati

- Affiliazione -
- Pubblicità -
- Affiliazione -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -