- Pubblicità -

La nobiltà paga buoni dividendi: ETF Dividend Aristocrats, un Etf per resistere alla forte volatilità dei mercati azionari

- Pubblicità -

I mercati azionari sono dominati dalla volatilità, dovuta ai tanti Headwinds  che caratterizzano questo inizio di 2002, dal rischio guerra in Ucraina al potenziale rialzo dei tassi, dalla crescita dell’inflazione alle guidance più conservative delle principali società quotate a livello mondiale.

Come resistere alla volatilità? Un modo è sicuramente quello di investire in azioni che danno buoni dividendi.

l Dividend Aristocrats sono quelle società che fanno parte dell’indice S&P 500 e che hanno pagato e aumentato il loro dividendo ogni anno per almeno 25 anni consecutivi.

Questo impressionante track record di crescita dei dividendi è tanto più eclatante se si prende in considerazione che in un arco di tempo lungo come ad esempio gli 25 anni, ci sono state almeno 3 grandi recessioni economiche.

Al momento le aziende che fanno parte della lista dei Dividend Aristocrats sono 65.

In questo momento le principali azioni che fanno parte di questa lista sono le seguenti:

Gli standard richiesti per entrare nella lista dei Dividend Aristocrats sono decisamente restrittivi e sono finalizzati a identificare le azioni di aziende che riescono a mantenere stabile il loro business attraverso i differenti cicli economici.

Ci sono 4 criteri per poter essere classificati come un Dividend Aristocrat:

1) Far parte dell’S&P 500.

2) Aumentare il dividendo ordinario per azione (esclusi i dividendi straordinari) ogni anno per almeno 25 anni consecutivi.

3) Avere una capitalizzazione di mercato minima rettificata per il flottante (escluse le azioni “strettamente detenute” di proprietà di addetti ai lavori o fondatori) di almeno $ 3 miliardi.

4 ) Avere una media di almeno $ 5 milioni di valore di scambio giornaliero di azioni per i tre mesi precedenti.

L’elenco di Dividend Aristocrats viene aggiornato costantemente da S&P Dow Jones con le seguenti modalità:

1)Una volta all’anno, nel mese di gennaio, le società vengono aggiunte e rimosse le azioni in base ai requisiti di cui sopra

2)All’inizio di ogni trimestre, l’indice viene riponderato, cioè il peso di ciascun costituente viene reimpostata in modo che tutti costituiscano una percentuale uguale dell’indice.

Può essere interessante investire nell’ETF Dividend Aristocrats in momento di forte volatilità dei mercati azionari?

L’ETF SP500 Dividend Aristocrats è quotato alla Borsa italiana con il codice ISIN IE00B6YX5D40.

Il vantaggio di investire in Dividend Aristocrats è dato innanzitutto dall’affidabilità di poter ricevere un dividendo in costante aumento e dal fatto che le aziende in questione, facendo parte sia dell’indice SP500 che della lista dei Dividend Aristocrats sono aziende leader del settore, con un flusso di cassa affidabile e un track record di rendimenti annuali provato nel tempo.

Questi fattori portano ad avere una volatilità ridotta rispetto allo stesso indice SP500 e ad essere più difensivi nelle fasi di ribasso.

La minore volatilità non si traduce necessariamente in migliore performance perché negli ultimi 10 anni l’ETF Dividend Aristocrats ha sottoperformato l’S&P 500 in termini di rendimenti totali, per il fatto che la crescita dell’indice SP500 è stata guidata soprattutto dal boom dei titoli Growth, le Megacaps FAANG che sono arrivate a rappresentare circa il 30% della capitalizzazione dell’indice SP500.

Per il futuro L’ETF SP500 Dividend Aristocrats può essere interessante per investire in azioni che possano beneficiare di una rotazione degli investitori verso il settore Value.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Un ETF sul settore Food e Consumer Staples può essere una buona difesa dalle turbolenze dei mercati azionari?

- Pubblicità -
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Articoli correlati

- Affiliazione -
- Pubblicità -
- Affiliazione -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -