- Pubblicità -spot_img

Prospettive per l’economia e per i mercati europei per il 2022

- Pubblicità -

Per valutare le prospettive dei mercati Europei, è indispensabile fare il punto sull’evoluzione del ciclo economico.

Secondo la Commissione Europea anche in Europa, in questo momento, c’è un problema di adeguamento dal lato dell’offerta dell’economia, che fatica a tenere il passo con gli incrementi dei costi e della domanda globale, soprattutto in alcuni settori chiave, tra cui la logistica globale e la produzione di materie prime e microprocessori.

Il forte incremento dei prezzi dell’energia pesa sia sui consumi che sugli investimenti.  La crescita nell’UE è prevista al 5%, 4,3% e 2,5% rispettivamente nel 2021, 2022 e 2023.

Fonte European Commission
Fonte European Commission

Nel 2022, le forze propulsive delle riaperture diminuiranno progressivamente, mentre le strozzature dell’offerta si allenteranno e i prezzi dell’energia tenderanno a diminuire.

Il previsto miglioramento del mercato del lavoro e i risparmi ancora elevati, uniti alle condizioni di finanziamento favorevoli e la messa a regime dei capitali del Recovery Fund, consentiranno all’attività economica nell’UE di espandersi ancora ad un ritmo sostenuto attorno al 4% nel 2022, per poi rallentare al 2,5% nel 2023.

Per il momento l’occupazione nell’UE è rimasta al di sotto del livello pre-pandemia e non è stata ancora completamente riassorbita l’elevata massa di disoccupati e persone.

La Commissione Europea prevede che, con l’espansione dell’economia, il mercato del lavoro possa completare la sua ripresa e che nel 2022 e nel 2023 verranno creati 3,4 milioni di posti di lavoro, facendo scendere il tasso di disoccupazione nell’UE al 6,5% nel 2023.

Notizie positive anche sotto il profilo della produttività aziendale e della conseguente crescita degli utili delle società quotate in Borsa, grazie agli investimenti finanziati dal Recovery Fund e le relative riforme strutturali.

La crescita della produttività è un elemento chiave che può giocare a favore della crescita degli utili e dell’espansione dei multipli delle società quotate.

Sempre la stessa Commissione Europea prevede una crescita della produttività ad un ritmo sostenuto del 2,9% nel 2022 e dell’1,6% nel 2023.

Con questi numeri di produttività e di crescita economica si può ipotizzare un tasso di crescita degli utili in doppia cifra, tra il 10-15%, che dovrebbe consentire una crescita dei mercati azionari di un ulteriore 10% rispetto ai valori correnti.

Mercati europei, cosa dice l’analisi tecnica?

Il trend di medio lungo termine iniziato a marzo 2020 è ancora saldamente in atto e ci troviamo nella fase terminale della III Onda rialzista, che era iniziata alla fine di ottobre 2020.

È probabile quindi un ulteriore espansione nel corso dei primi mesi del 2022, alla quale seguirà un’ampia fase di consolidamento tra il secondo e il terzo trimestre, per poi riprendere la fase rialzista di medio lungo termine.

Un’area di supporto importante è attorno a 450 al momento della scrittura dell’indice EuroStoxx 600, al di sotto della quale aumenterebbero le probabilità che la III onda rialzista sia già terminata con il massimo di novembre e che ci troviamo già nella quarta onda, con un anticipo sui tempi a cui abbiamo fatto riferimento sopra.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social attraverso i pulsati dedicati qui sotto e commenta per condividere le tue esperienze ed opinioni sull’argomento.

Per restare aggiornato sui nuovi articoli pubblicati su Word2Invest attiva le notifiche dalla campanella e iscriviti al canale Telegram di Word2Invest per ricevere breaking news e i principali appuntamenti del calendario economico.

Approfondimento

Short Wall Street è diventata la parola d’ordine degli Hedge Funds?

- Pubblicità -
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking
- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Ultimi articoli

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -