- Pubblicità -

Le azioni Salesforce potranno continuare la loro corsa?

- Pubblicità -

Le azioni Salesforce hanno avuto negli ultimi 2 anni un importante rialzo essendo un’azienda di software, i cui prodotti consentono alle imprese, nei più svariati settori, di poter avvicinare i propri clienti utilizzando una combinazione di tecnologie di nuova generazione come Cloud, Mobile, Social, Internet of Things e intelligenza artificiale.

Salesforce (NYSE:CRM) beneficia di diversi fattori favorevoli che dovrebbero favorire una forte crescita dei ricavi per molti anni a venire.

Le aziende vogliono adottare e far crescere le proprie capacità digitali per avvicinarsi al consumatore e ottimizzare le operazioni. Con lo Smart working che ormai fa parte della nuova normalità, il software di Custom Relation management diventa più importante che mai.

Salesforce è leader di mercato in questo settore, con una quota del 19,5% contro il 4,8% della seconda classificata.

Di recente si è classificato come il miglior fornitore di CRM per l’ottavo anno consecutivo. Salesforce ha avuto una crescita dei ricavi ad un tasso composto superiore al 20% nell’ultimo decennio, ben al di sopra del tasso del settore software del 13%.

La società ha fornito una guidance di fatturato per il FY26 di $ 50 miliardi. Considerando la crescita del mercato, questa guidance potrebbe facilmente essere superata.

In passato Salesforce ha effettuato parecchie operazioni di fusione e acquisizione, tra cui ExactTarget, Demandware, MuleSoft, Tableau e, più recentemente, Slack, mentre nei prossimi anni si dovrebbe invece concentrare invece sull’integrazione precedenti acquisizioni, puntando alla crescita organica dei ricavi, al cross-selling e alle sinergie per la riduzione dei costi.

Può essere ancora conveniente comprare azioni Salesforce?

Salesforce viene scambiata sul mercato con multipli da Growth Stock, con EV/Ebitda di 36 volte per 2022 e il target price medio degli analisti è 330.

Vista la forte crescita dei ricavi è comunque importante il parametro EV/Sales. In questo parametro Salesforce è ben al di sotto degli altri titoli del settore con un multiplo di 10,5x, mentre Adobe è a 17,9x, Autodesk a 15,5x e ServiceNow a 19,6x.

Le aspettative di CAGR dei ricavi dei prossimi tre anni per le società sono del 19% per Salesforce, del 14% per Adobe, del 16% per Autodesk e del 24% per ServiceNow.

Salesforce è a sconto perché ha margini operativi più bassi e il focus degli investitori sarà in futuro proprio la capacità di Salesforce di aumentare i propri margini operativi.

Complessivamente le azioni Salesforce sono abbastanza care e non particolarmente interessanti agli attuali prezzi di mercato, ma lo diventerebbero in caso di una correzione, perché è un’azienda leader in un settore in forte crescita.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui tuoi canali social e segui Word2Invest su Facebook, Instagram, YouTube e Twitch. Non esitare a condividere le tue esperienze e/o opinioni commentando sui nostri canali social.

Per restare aggiornato sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dalla campanella o iscriviti al canale Telegram di Word2Invest.

Approfondimento

Azioni Natuzzi, l’exploit dell’ultimo anno è una bolla?

- Pubblicità -
Roberto Contini
Roberto Contini
Operante nel settore investimenti da più di 30 anni, socio fondatore della Società Italiana di Analisi Tecnica, affiliata all’IFTA dal 1988, ha ricoperto ruoli da analista tecnico e fondamentale in Italia e all’estero ed è stato per 15 anni Responsabile Investimenti prima e successivamente Responsabile Area Advisory in Banca Intermobiliare d’Investimenti e Gestioni (BIM). Skills : Asset allocation, analisi tecnica e fondamentale, Macro View, stock picking

Articoli correlati

- Affiliazione -
- Pubblicità -
- Affiliazione -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -