- Pubblicità -spot_img

Boom PIL in Italia: +6,2% nel 2021 e +4,3% nel 2022

- Pubblicità -

Forte crescita per l’economia italiana. Secondo le previsioni della Commissione europea il PIL in Italia è in rialzo al 6,2% nel 2021, ben al di sopra delle stime del Governo e sopra la media UE che si aggira intorno al 5%. Continuando su questa scia si ipotizza un ritorno ai livelli pre-crisi, con un PIL che si assesterà al 4,3% nel 2022 e 2,3% nel 2023.

L’Italia smette di essere fanalino di coda in Europa registrando performance migliori della Germania (2,7%) e Spagna (4,5%).

Il rapporto debito pubblico/PIL in Italia dovrebbe calare dal 155,6% nel 2020 al 151% nel 2023 trainato dalla crescita della domanda interna e graduale eliminazione delle misure fiscali di emergenza.

Questi sono numeri che confortano, ma, il rischio di un calo è sempre dietro l’angolo. Il rischio è rilevante soprattutto negli Stati membri con tassi di vaccinazione bassi.

Non bisogna dimenticare quelli più limitanti alla crescita del PIL. In particolare la riduzione delle catene di approvvigionamento, gli aumenti dei prezzi della componente energia e l’inflazione.

Infine, il tasso di disoccupazione in Italia nel 2021 aumenterà al 9,8%, rispetto al 9,2% del 2020, per poi ridursi al 9,3% nel 2022 e al 9,2% nel 2023. Si prospetta un ritorno al tasso del 2020.

Come ha risposto Gentiloni?

Paolo Gentiloni
Paolo Gentiloni

Il commissario europeo all’economia Paolo Gentiloni ha espresso un commento sull’andamento del PIL in Europa che confermano ulteriormente le argomentazioni precedentemente esposte.

“Il rafforzamento della crescita sta aiutando a stabilizzare le finanze pubbliche, mentre il supporto di Next Generation Eu ha contribuito a portare gli investimenti pubblici ai massimi da oltre dieci anni. Ora ci sono tre rischi chiave da tenere sotto controllo: gli aumenti dei casi di Covid, l’inflazione che sta accelerando e i problemi nelle catene di forniture globali che pesano su molti settori”.

Approfondimento

Tesla cade a Wall Street e perde il 18% in due sedute

- Pubblicità -
Simone Avallone
L’innovazione offre lo stimolo necessario per cogliere il continuo cambiamento del mondo odierno. Sono un forte sostenitore dell’innovazione digitale come driver di creazione del valore. Approccio ogni tematica sotto diversi punti di vista, abbattendo in questo modo le convinzioni limitanti. Laureato in Economia e Management curo la rubrica per Word2Invest su Fintech e Digital Transformation.
- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Ultimi articoli

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -