- Pubblicità -

Trimestrali non buone per le azioni Merck, rialzo rimandato?

- Pubblicità -

La prima trimestrale per le azioni Merck non è andata come prospettato dagli analisti sia dal punto di vista delle EPS (1,32$ contro l’1,38$ previsti) e sia per quanto riguarda i ricavi (12,51 mld $ contro i 16,67 mld $ previsti).

Difatti il titolo ha aperto a 75,68$, -2,11% rispetto alla seduta di ieri e probabilmente assisteremo ad altre sedute negative prima di avere un nuovo input rialzista.

La Merck (NYSE:MRK) è la più antica e una delle più importanti case farmaceutiche al mondo, particolarmente sviluppata nel trattamento delle malattie cardiovascolari, malattie infiammatorie e “first mover” nell’immuno-oncologia.

Uno sguardo sui fondamentali delle azioni Merck

La società Merck presenta sotto molti punti di vista degli ottimi fondamentali e con poche criticità.

L’unica grossa criticità riscontrata riguarda la situazione finanziaria, soprattutto sotto il lato del Debt/Equity che ha registrato un incremento negli ultimi 5 anni dal 58,4% al 94,8%.

Le prospettive di crescita presenta delle percentuali inferiori rispetto al settore ma occorre tener anche conto che la Merck nell’ultimo anno si è difesa bene, con una crescita degli utili superiore dell’intero al settore (23,6% vs 9,9%).

Prospettive di crescita Merck vs settore farmaceutico

Da menzionare un ROE per i prossimi 3 anni quasi 3 volte superiore rispetto la media dei competitors (50,6% v s 17%), un aspetto da considerare ai fini di un investimento.

Un altro aspetto positivo delle azioni Merck è il dividend yield. La società, infatti, sostiene un forte rendimento da dividendi (3,4% vs 2,8%) che sembra sicuro sulla base di un ampio portafoglio diversificato di farmaci.

Analisi e proiezioni delle azioni Merck

Le proiezioni di lungo termine delle azioni Merck sono decisamente rialziste, visto la raccomandazione media BUY (14 su 22) degli analisti e un range di apprezzamento tra il 10% e il 38,5%.

Dal punto di vista dell’analisi tecno-grafica, il prezzo è in fase laterale da diversi mesi (aprile 2020) e la trimestrale di oggi non ha dato l’input rialzista sperato.

Molto importante l’area di demand in area 75,52$ che rappresenta una forte zona di swing rialzista testato diverse volte.

Con una sottovalutazione di quasi il 100% (143,50$) sembra che i 3 target stimati degli analisti non siano così lontani come si prospetta:
– 85$ (+11%);
– 97$ (+27%);
– 107$ (+40%).

Approfondimento

È giusto comprare azioni Pfizer?

- Pubblicità -

Soddisfa le tue aspirazioni finanziarie

Il Consulente Finanziario Indipendente che ti aiuta ad ottimizzare la tua vita finanziaria

Flavio Ferrara - Consulente Finanziario Indipendente
Flavio Ferrara
Flavio Ferrara
Consulente Finanziario Indipendente (delibera numero 2046 del 25/10/2022 con matricola n. 631131). Da sempre interessato alla finanza, ha dedicato gli studi nell'analisi tecno-grafica e nell'analisi fondamentale dei Mercati Finanziari. Laureato in Scienze Economiche, ha frequentato diversi corsi di specializzazione tra i quali un Master in Corporate Finance e un corso in Value Investing. Spinto dagli studi e dalla specializzazione in Finanza, ha deciso di iscriversi all’esame OCF, superato con successo, e diventare un Consulente Finanziario Indipendente. La sua esperienza non solo teorica è a disposizione per assistere le persone nel raggiungimento dei loro obiettivi finanziari. Sostiene il concetto di una sana pianificazione finanziaria, in cui gli investitori ottengono rendimenti attraverso il valore creato nell’economia reale.

Seguici su

- Pubblicità -

Ultimi articoli

- Pubblicità -
- Pubblicità -